SEI IN > VIVERE SAN BENEDETTO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Controlli agli impianti di depurazione siti nei Comuni di Ancona, Pesaro e Grottammare

2' di lettura
114

Da Direzione Marittima

Ancona


Nel campo della tutela ambientale e dell’ecosistema marino costiero, prosegue lo sforzo della Direzione marittima delle Marche, che, nella settimana scorsa, ha svolto una campagna di controlli ad alcuni depuratori costieri della regione.

I militari del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione marittima hanno svolto le attività di controllo, avvalendosi del braccio operativo costituito dal personale del Laboratorio Analisi Ambientali “C.F. (CP) Natale DE GRAZIA”, in assetto operativo mobile (L.A.M), nucleo specialistico del Corpo delle Capitanerie di porto, stanziato a Roma.

I L.A.M. sono coordinati dal 3° Reparto del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto e, quando richiesto in ausilio dai Comandi territoriali, vengono impiegati nell’intero territorio nazionale, quali strumenti capaci di fornire risposte immediate sullo stato delle acque analizzate e di accertare, in tempi rapidi, eventuali violazioni/illeciti che possano causare danni o arrecare pregiudizio per l’ambiente marino e costiero.

Nel territorio marchigiano, le attività di accertamento, condotte nei giorni scorsi, hanno riguardato la verifica dell’efficienza e della regolarità degli impianti di depurazione siti nei Comuni di Ancona, Pesaro e di Grottammare, ove i militari hanno eseguito alcuni campionamenti della matrice acqua di scarico, in corrispondenza dei pozzetti fiscali di uscita dei depuratori con l’impiego della strumentazione in possesso del LAM.

Successivamente ed al fine di individuare l’eventuale presenza di inquinanti causati da sostanze chimiche e microbiologiche e l’eventuale superamento dei limiti tabellari di cui alla parte terza del D. Lgs. 152/2006 (Testo Unico in materia ambientale), tali campioni sono stati sottoposti a specifiche analisi, all’esito delle quali, non emergeva alcun superamento dei richiamati limiti di legge imposti dalla normativa vigente.

I controlli eseguiti, oltre ad aver appurato il corretto rispetto delle prescrizioni contenute nei titoli autorizzativi allo scarico, hanno riguardato, inoltre, tutte le fasi della depurazione delle acque reflue urbane provenienti dalla rete fognaria ed hanno avuto ad oggetto anche le conseguenti modalità di gestione dei rifiuti generati dall’impianto.

All’esito degli accertamenti in materia di gestione dei rifiuti, i militari del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale hanno rilevato, presso uno degli impianti visitati, alcune lievi irregolarità riguardanti la documentazione, ed in particolare, la tenuta del registri di carico/scarico, procedendo ad elevare sanzione amministrativa al gestore dell’impianto ai sensi dell’art. 258 del Testo Unico in materia ambientale.

Il Contrammiraglio Donato DE CAROLIS, Direttore marittimo, ha dichiarato: “Nel corso dei prossimi mesi, proseguira’ l’impegno profuso dai militari della Direzione Marittima delle Marche in campo ambientale attraverso ulteriori ed approfonditi controlli tesi a garantire la tutela dell’ambiente e dell’ecosistema marino costiero.”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-02-2024 alle 15:50 sul giornale del 08 febbraio 2024 - 114 letture






qrcode