AV5 e indennità del personale, Fede (M5S Senato): "Basta giocare sulla pelle di chi in silenzio sta lavorando con abnegazione"

2' di lettura 26/01/2022 - “La sanità ponga al centro le esigenze di operatori e pazienti. Ciò che conta è il merito e non l’appartenenza, la buona gestione e non la clientela politica, la funzione pubblica con il supporto equilibrato della sanità privata e non viceversa”. Così interviene, amareggiato per quanto sta accadendo in Area Vasta 5, il senatore di San Benedetto, Giorgio Fede.

“Sono stati impiegati 1.800 giorni per rispondere a quanto si doveva fare in 30 (secondo la LR 80 del 2017). È dal 1995 che si continuano ad ignorare le situazioni economiche e le dotazioni organiche e strutturali della sanità del Piceno, da troppi anni ormai penalizzata benché rappresenti un servizio primario per il nostro territorio. Tra sgarbi, dimenticanze e negligenze varie, siamo diventati mano a mano la cenerentola delle Marche, con una politica locale-regionale più impegnata a perpetrare battaglie di potere e di campanile sulla sanità piuttosto che a lavorare per migliorare e garantire quei servizi che pazienti ed operatori meritano. Purtroppo - continua il senatore Fede - si è sempre proceduto con interpretazioni restrittive delle norme da parte dei dirigenti dell’epoca delle ex Z.T. n. 12 e n. 13, volte esclusivamente al contenimento della spesa del personale, senza sviluppare un reale progetto di razionalizzazione ed efficientamento dei servizi, con la politica silente o addirittura attiva nel peggiorare la situazione”.

Tutto questo sfocia, oggi, in una situazione che Fede definisce “inaccettabile", con il fondo dall’art. 80 del CCNL del 21/05/2018 assolutamente insufficiente per liquidare le indennità per turnazioni, lavoro festivo, notturno, notturno festivo e quant’altro.

“L’attuale situazione pandemica ha poi dato il colpo di grazia alla nostra sanità, avendo comportato in molti casi una maggiore turnazione del personale e l’erogazione di ulteriori indennità che hanno aggravato ulteriormente una situazione di per se già fortemente compromessa. Chiunque abbia un po’ di buonsenso, proprio mentre il personale sta lavorando con abnegazione da oltre due anni, combattendo e rischiando in corsia per curare anche noi, i nostri familiari ed amici, immaginerebbe la necessità di compiere uno sforzo volto a supportare e premiare questo impegno. Invece bisogna assistere alla proposta della direzione sanitaria e della Giunta regionale del taglio alle dovute indennità. Personalmente sono rimasto basito del fatto che il personale infermieristico sia dovuto ricorrere alla minaccia di uno stato di agitazione perché l’Asur e l’Av5 ragionassero, seppur con un ritardo di 1.800 giorni. Mi auguro - conclude il senatore Fede - che questo problema venga risolto e che la sanità Picena possa trovare nuovo slancio con una decisa discontinuità che si attende da troppi anni”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2022 alle 17:26 sul giornale del 27 gennaio 2022 - 113 letture

In questo articolo si parla di lavoro, comunicato stampa, Giorgio Fede

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHEM





logoEV