Sbarcano vongole etichettate con i dati di un’altra barca, sequestrati 200 kg

1' di lettura 29/03/2021 - Nelle prime ore di lunedì la Capitaneria di porto – Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto, congiuntamente alla Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di San Benedetto del Tronto, ha sequestrato circa 200 kg di vongole.

I prodotti ittici prelevati dal mare in violazione della legge sono stati sbarcati da un’unità autorizzata al punto di sbarco della banchina di Riva Nord Malfizia insieme a quelli previsti dalla propria quota, ma etichettati con i dati di un’altra barca che in realtà non aveva preso il largo.

Ai colpevoli di aver pescato il quantitativo di vongole eccedente il consentito sono stati elevati verbali amministrativi per 5.500 Euro.

Le vongole, dopo essere state dichiarate vive dal veterinario dell’Asur Marche all’uopo intervenuto, sono state rigettate in mare.

L’attività di controllo posta in essere dalla Capitaneria di Porto - Guardia Costiera e dalla Guardia di Finanza ha avuto le finalità sia di tutelare il consumatore finale, affinché possa fare un consumo consapevole del prodotto ittico che acquista presso le rivendite autorizzate o i ristoranti, sia di preservare la risorsa ittica dalla pesca indiscriminata di prodotto che provoca l’inesorabile impoverimento della fauna marina.








Questo è un articolo pubblicato il 29-03-2021 alle 15:45 sul giornale del 30 marzo 2021 - 161 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUZH





logoEV