Memoria di un pesce rosso?: i film sulla perdita di memoria da rivedere

4' di lettura 02/03/2021 - I ricordi spesso sono ciò di cui abbiamo bisogno per affrontare alcuni momenti difficili della nostra vita. Il ricordo di un’esperienza che ci ha reso felici magari legata a una persona cara che non è più con noi, riesce ad avere la capacità di vivere nel cuore e nella mente delle persone per sempre, ogni giorno della nostra vita.

O meglio, questo è il desiderio che tutti vorremmo. Chi non vorrebbe avere una memoria come una SSD, dove immagazzinare tutti i nostri ricordi per non perderli mai?

A differenza di altre malattie, che magari possono manifestarsi con sintomi evidenti, la perdita di memoria può essere prevista e non si può sapere cosa accadrà nel nostro cervello.

Un’esistenza passata a fare sacrifici, a trovare degli affetti viene messo in pericolo da delle malattie pressoché invisibili, che si palesano sempre nei momenti più inopportuni.

Il cinema nel corso degli anni ha rappresentato sul grande schermo, storie molto toccanti, spesso variando anche molto nel genere passando dal drammatico al romantico, tutti incentrati sul tema perdita di memoria. A tal proposito, ecco dei film da vedere o rivedere, con al centro questo argomento, che meriterebbe più attenzione da parte di tutti e che dovrebbero anche avere più spazio nel mondo cinematografico.


Se mi lasci ti cancello

A New York, Joel Barish e Clementine Kruczynski dopo due anni di relazione sono arrivati al limite. La ragazza stufa della propria vita decide di rivolgersi alla clinica Lacuna Inc. del dottor Mierzwiak per farsi cancellare i ricordi. Tra i tanti, è convinta a cancellare dalla sua mente Joel. Quando il ragazzo cerca di riavvicinarsi a lei, purtroppo scopre la triste notizia della perdita di memoria unita al fatto che un altro uomo sta corteggiando la sua ex ragazza. Per questo motivo, deluso e ferito decide di ricorrere alla stessa clinica della fidanzata, richiedendo lo stesso trattamento: rimuovere dalla sua mente Clementine.

Questo film mette in luce una tematica fortemente romantica, il fatto che due anime gemelle non potranno mai essere separate se destinate a stare insieme. Se si cancella il passato, si dovranno costruire nuovi ricordi, insieme.


Still Alice

Still Alice è molto più di un film drammatico. Grazie alla bravura in primis di Julianne Moore viene messa sotto i riflettori una malattia mentale e cognitiva che colpisce uomini e donne di tutte le età. L’Alzheimer. Una malattia senza pietà, perchè non solo distrugge tutti i ricordi giorno dopo giorno, ma rende chiunque non autosufficiente e privo di dignità. Questo è il caso di Alice, una donna affermata nel suo lavoro, moglie e madre di Anna, Tom e Lydia, con la quale cercherà di capire cosa sta succedendo nella sua testa.

Il racconto molto delicato e intimo di Still Alice riesce a far entrare in empatia il pubblico, il quale riesce a sentirsi parte integrante della sua vita, soffrendo insieme alla donna, ormai demoralizzata dalla situazione che sta vivendo.


50 volte il primo bacio

Un ottimo mix di comicità data da Adam Sandler e di dolcezza grazie a Drew Barrymore, in questo film viene messo in evidenza un aspetto che in pochi tengono in considerazione, che la perdita di memoria può accadere in qualsiasi momento, anche da giovani. Nel film di Peter Segal la giovane Lucy è affetta da una forma di amnesia molto rara, la quale ogni giorno resetta la sua memoria. Quando incontra Henry, ex donnaiolo, il ragazzo farà tutto quello che è in suo potere per farle ricordare il loro primo bacio, anche 50 volte.


Memento

Il protagonista del film diretto da Christopher Nolan è Leonard Shelby è stato testimone della morte dell’amata moglie, avvenuta per mano di due uomini a volto coperto. Nella lite, lui è stato colpito alla testa procurandogli un raro disturbo della memoria, che non gli permette di ricordare avvenimenti accaduti recentemente. Per far in modo che le informazioni acquisite per trovare gli assassini della moglie, non vadano perse, inizia a scrivere tutto utilizzando anche il suo corpo con dei tatuaggi.

In questa storia viene utilizzato uno strumento che ormai siamo abituati a tenere nelle mani sotto un’altra forma. Leonard per ricordare i volti che incontra e quelli di cui potersi fidare, va in giro con una Polaroid, come noi cerchiamo di immortalare e fermare il tempo con lo smartphone.


La memoria del cuore

Diretto da Michael Sucsy, con protagonisti Channing Tatum e Rachel McAdams, a seguito di un incidente stradale, Paige, moglie di Leo perde la memoria. Tra le cose che non ricorda finisce anche la storia d’amore con il marito, il quale cercherà di riconquistare il cuore della sua donna in tutti i modi possibili. La forza dell’amore e la volontà di non darla vinta a questo problema neurologico, portano Leo a ripercorrere tutti i momenti più importanti del loro rapporto: dal primo appuntamento alla proposta di matrimonio.






Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2021 alle 11:11 sul giornale del 02 marzo 2021 - 15 letture

In questo articolo si parla di redazione, spettacoli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQC6





logoEV
logoEV