Morto sul lavoro, Capone (Leader UGL): "A una certa età non si devono svolgere lavori a rischio"

1' di lettura 18/02/2020 - "L'UGL esprime il suo cordoglio alla famiglia dell'uomo di 65 anni, che ha perso la vita sul posto di lavoro a San Benedetto del Tronto. L’operaio era prossimo alla pensione, a quell'età non dovrebbe essere consentito lo svolgimento di lavori manuali, soprattutto ad alto rischio di incidenti.

In tal senso, è necessario prevedere più controlli e una maggiore cultura della sicurezza, affinché simili tragedie non si ripetano".

Lo ha dichiarato in una nota Paolo Capone, Segretario Generale dell'UGL, a seguito dell'incidente sul lavoro in cui ha perso la vita un operaio, travolto da una valanga di terra proveniente da uno scavo, profondo circa due metri.

“L’UGL è in tour con la manifestazione ‘Lavorare per Vivere’ volta a sensibilizzare l'opinione pubblica sul triste fenomeno delle morti bianche. Diciamo basta a queste stragi senza fine”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2020 alle 16:21 sul giornale del 19 febbraio 2020 - 223 letture

In questo articolo si parla di attualità, san benedetto, ugl, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bgrf