Sport: Samb, gara dai due volti per i rossoblu che pareggiano 1-1 al Rocco di Trieste e chiudono terzi in classifica

5' di lettura 06/05/2018 - Gara dai due volti dei rossoblu, primo tempo sotto tono e ripresa giocata a ritmi forsennati. Due rigori dubbi concessi agli alabardati, il primo trasformato da Bracaletti, il secondo parato da un grande Perina. Rete rossoblu di Miceli

Una Samb dai due volti esce indenne dal Nereo Rocco di Trieste pareggiando per 1-1.

Ad un primo tempo sotto tono dei rossoblu, passati tra l’altro in svantaggio, ha fatto riscontro una ripresa giocata ad alti ritmi in cui i ragazzi di Moriero prima hanno pareggiato, poi cercato a più riprese la vittoria.

E’ stato dunque positivo il ritorno in panchina del tecnico salentino che, come detto in precedenza, con un finale di gara in crescendo, è andato vicinissimo alla vittoria.

Rossoblu che hanno molto da recriminare per due rigori, il primo apparso molto dubbio, il secondo addirittura inesistente che il signor Sozza ha decretato in favore degli alabardati, con il primo trasformato da Bracaletti e il secondo parato dall’ottimo Perina, ma andiamo con ordine.

Contro gli alabardati il tecnico Moriero optava per un modulo più coperto rispetto al suo credo calcistico 4-3-3 e cioè per un 4-2-3-1, entrando nello specifico Mattia prendeva il posto di Rapisarda lungo l’out destro difensivo, con quest’ultimo che veniva spostato sulla linea dei centrocampisti a far compagnia al rientrante Marchi e Bellomo, mentre in attacco Valente e Miracoli sostituivano rispettivamente Di Massimo e Stanco.

Nella Triestina Libutti prendeva il posto di Troiani in difesa, mentre Finazzi quello di Petrella nei tre di centrocampo, sempre in difesa rientrava Pizzul dopo la squalifica, assente Lambrughi per squalifica per il resto gli stessi che sono usciti sconfitti dal confronto contro la Feralpisalò.

Gara sin dalle battute iniziali avvincente tra due squadre che cercavano la vittoria ma per obiettivi diversi, i rossoblu si rendevano subito pericolosi al 13’ con un colpo di testa di Miceli che colpiva in pieno la traversa, la Triestina rispondeva al 19’ con Porcari, era bravo Perina a disinnescare il tiro dell’attaccante alabardato presentatosi solo davanti al numero uno rossoblu.

Da questo momento in poi era la Triestina a menar la danza ed i rossoblu ad agire di rimessa, alabardati in vantaggio al minuto 36 grazie ad un rigore concesso dall’arbitro con una certa magnanimità tra le proteste veementi dei rossoblu per un presunto fallo di Conson ai danni di Bracaletti e trasformato dallo stesso attaccante alabardato.

Finale di tempo che si chiudeva con la Triestina in avanti che legittimava il vantaggio e rossoblu in leggera difficoltà.

Nella ripresa, iniziata con iniziata con 15 minuti di ritardo per attendere la contemporaneità su tutti i campi del girone, rossoblu subito propositivi e vicini al pareggio con il neo entrato Di Massimo che non riusciva però a concludere bene per la spinta di un difensore alabardato, i ragazzi di Moriero con il trascorrere dei minuti spostavano il loro baricentro in avanti e attaccavano a pieno organico alla ricerca del pari, pareggio ottenuto al minuto 75 grazie ad un regalo del portiere Boccanera che non tratteneva un angolo battuto da Bellomo, la sfera arrivava sui piedi di Miceli che non aveva difficoltà a metterla dentro.

Ottenuto il pareggio i rossoblu si gettavano in avanti alla ricerca della vittoria, era ciò che facevano anche gli alabardati con la gara che diventava spettacolare.

L’arbitro però doveva dire la sua decretando un altro rigore a favore della Triestina al minuto 81, questa volta davvero inesistente, su un calcio di punizione battuto da Coletti in area, un giocatore rossoblu, secondo l’arbitro toccava la sfera con un braccio e assegnava nuovamente un rigore.

Batteva Bracaletti che questa volta si faceva ipnotizzare da Perina che disinnescava il penalty e salvava il risultato.

La gara diventava avvincente tra due squadre alla ricerca disperata del goal vittoria, con i rossoblu che la sfioravano a quattro minuti dal termine con Valente che colpiva in pieno la traversa.

La gara terminava praticamente qui con le due squadre ormai stanche per aver dato tutto soprattutto nella ripresa.

Con questo pareggio e la concomitante vittoria del Sudtirol, i rossoblu chiudono il campionato terzi in classifica ed approdano direttamente ai play off nazionali che, per i rivieraschi, inizieranno domenica 20 maggio.

Questo il tabellino della gara Triestina – Sambenedettese:

TRIESTINA (4-3-3): Boccanera; Libutti, Codromaz, Acquaro ©, Pizzul; Coletti, Finazzi, Porcari (83’ Hidalgo); Mensah, Arma (68’ Pozzebon), Bracaletti. A disp.: Miori, El Hasni, Maesano, Bajic, Troiani, Celestri, Meduri, Acquadro, Pozzebon, Keita, Serafino. All. Nicola Princivalli

SAMBENEDETTESE (4-2-3-1): Perina; Mattia (68’ Candellori), Conson ©, Miceli, Patti; Marchi (79’ Stanco), Gelonese; Rapisarda (52’ Di Massimo), Bellomo, Valente; Miracoli. A disp. Aridità, Di Pasquale, Tomi, Demofonti. All. Francesco Moriero

ARBITRO: Simone Sozza di Seregno (Assistenti: Della Vecchia/Abagnara)

MARCATORI: 36’ Bracaletti su r. (T.), 75’ Miceli (S.)

AMMONITI: 27’ Porcari (T.), 27’ Bellomo (S.), 35’ Perina (S.), 40’ Mensah (T.), 75’ Codromaz (T.), 83’ Pizzul (T.)

ANGOLI: 6 – 1

NOTE: Giornata soleggiata ma ventilata, quasi estiva, temperatura di 27° circa, terreno di gioco in ottime condizioni. Spettatori 4000 circa, di cui circa 200 provenienti da San Benedetto. Samb in completo nero, Triestina in completo verde. Minuti recuperati: 1° T. 1’ – 2° T. 3’.


di Marco De Berardinis
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2018 alle 20:27 sul giornale del 07 maggio 2018 - 332 letture

In questo articolo si parla di sport, sambenedettese calcio, noi samb, articolo, Marco De Bernardinis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aUfU





logoEV