Sport: Samb, brutta gara dei rossoblu che cadono sotto i colpi di un Mestre cinico che sfrutta due errori dei rivieraschi, al Riviera termina 0-2

7' di lettura 16/02/2018 - Un solo punto raccolto dai ragazzi di Capuano in due gare interne che questa volta deludono anche sotto il piano del gioco e con pochissime azioni da rete. Un buon Mestre espugna il Riviera con una rete per tempo. Autori dei goal Rubbo e Sottovia

SAMBENEDETTESE (3-4-1-2): Perina; Conson ©, Miceli, Di Pasquale (46’ Di Massimo); Rapisarda, Bove (46’ Bacinovic), Marchi (81’ Gelonese), Bellomo, Tomi; Esposito (67’ Stanco), Miracoli. A disp. Pegorin, Ceka, Mattia, Demofonti, Tirabassi, Candellori, Patti, Aridità. All. Ezio Capuano

MESTRE (4-4-2): Gagno; Perna ©, Gritti, Politti, Fabbri; Lavagnoli, Boscolo Papo (76’ Zecchin), Casarotto, Rubbo (85’ Beccaro); Spagnoli, Neto Pereira (54’ Sottovia). A disp. Favaro, Ayoub, Kirwan, Boffelli, Stefanelli, Mordini, Bonaldi, Stensson. All. Mauro Zironelli

ARBITRO : Daniele De Santis di Lecce. Assistenti: Arcangelo Vingo di Pisa e Nicola Nevio Spiniello di Avellino.

MARCATORI : 34’ Rubbo (M.), 66’ Sottovia (M.)

AMMONITI : 46’ p.t.Tomi (S.), 64’ Boscolo Papo (M.), 93’ Bellomo (S.)

ANGOLI : 3 a 0.

RECUPERO : 3’ 1° T. – 4’ 2° T.

NOTE : Serata fredda, terreno di gioco in buone condizioni, temperatura 6°C circa. Spettatori quantificabili in circa 2.500 unità, abbonati 2036. Presenti in curva sud 37 tifosi veneti.

San Benedetto del Tronto – Dopo l’ottima prova contro la Reggiana non supportata però dai tre punti, i rossoblu tra poco incroceranno i tacchetti contro una squadra ostica ma decisamente alla propria portata e cioè il Mestre di mister Zironelli nella seconda gara consecutiva al Riviera. L’obiettivo ovviamente sono i tre punti che mancano, tra le mura amiche, dal lontano 29 dicembre. La squadra rossoblu vista nelle precedenti uscite ha dimostrato di essere in salute e dunque contro il Mestre tutti si aspettano la vittoria. Contro i lagunari mister Capuano ripropone lo stesso undici di sabato scorso visto contro la Reggiana. In casa arancionera mister Zironelli effettua tre cambi rispetto alla gara di quindici giorni orsono pareggiata a Trieste, nello specifico Casarotto e Rubbo sostituiscono rispettivamente Zecchin e Sottovia che siedono in panchina, mentre in avanti Neto Pereira prende il posto di Beccaro anch’egli si accomoda in panchina.

PRIMO TEMPO

Ore 20:45, si parte. Calcio d’inizio battuto dalla Samb che indossa la consueta casacca rossoblu con pantaloncini blu, mentre il Mestre con casacca e pantaloncini bianchi con fregi arancioneri sulle maglie, i rossoblu attaccano da destra verso sinistra in questo primo tempo. Terna arbitrale con casacca gialla fluorescente e pantaloncini neri.

Dopo il fischio dell’arbitro che dà il via alle ostilità, i rossoblu si portano subito in avanti dalle parti di Gagno ma il Mestre non sta a guardare e risponde colpo su colpo, gara sin da subito gradevole.

9’: Bellomo riceve palla da Conson sulla trequarti del fronte sinistro e a grandi falcate si dirige verso l’area di rigore, appena entrato nella stessa lascia partire un tiro a giro che purtroppo si spegne sul fondo alla sinistra di Gagno.

14’: Una punizione battuta da Tomi da distanza assiderale arriva tra le braccia di Gagno senza destargli preoccupazione.

19’: Una punizione battuta da Gritti dai 20 metri si perde alta sopra la traversa.

26’: Sugli sviluppi di un angolo battuto da Bellomo svetta in area di rigore Miceli, il suo tiro seppur angolato viene parato a terra da Gagno.

Con il trascorrere dei minuti i rossoblu crescono guadagnando metri sul rettangolo verde ma il Mestre non demorde e risponde colpo su colpo con pericolosi contropiede che comunque non hanno esito positivo.

34’: Su cross dalla destra di Casarotto la sfera attraversa tutta l’area di rigore tra un selva di gambe, ben appostato sul secondo palo Rubbo la mette dentro tra l’incredulità dei giocatori rossoblu che chiedevano il fuorigioco dello stesso Rubbo. Dunque Samb 0 – Mestre 1.

40’: Annullato un goal a molti apparso regolare a Conson che su calcio di punizione battuto da Esposito con un colpo di testa aveva trafitto Gagno, il giudice di linea che agisce sotto la tribuna est mare però aveva alzato la bandierina per segnalare il fuorigioco dello stesso Conson.

Dopo il goal annullato ai rossoblu la gara si fa nervosa con parecchi falli da una parte e dall’altra, gli animi si accendono e l’arbitro è costretto a fischiare spesso.

46’: Ammonito Tomi.

Dopo tre minuti di recupero l’arbitro, accompagnato al suo rientro negli spogliatoi da una bordata di fischi per alcune decisioni non condivisibili, manda tutti negli spogliatoi con i rossoblu che vanno al risposo sotto di un goal. Dopo la bella prova contro la Reggiana ci si aspettava una Samb arrembante che avrebbe dovuto mettere a ferro e fuoco l’area del Mestre vista anche la caratura dell’avversario ed invece così non è stato. I rivieraschi hanno attaccato ma non hanno creato grossi grattacapi a Gagno mentre il Mestre dopo essersi difeso con ordine con un’azione di rimessa ha colpito ed è passato in vantaggio. Un goal annullato a Conson ha fatto innervosire i rossoblu, perché la rete è sembrata regolare.

SECONDO TEMPO

Si riparte per la ripresa con due cambi effettuati da Capuano.

46’: Esce Bove per posto a Bacinovic.

46’: Esce Di Pasquale per posto a Di Massimo.

Con questo doppio cambio i rossoblu passano dal 3-5-2 al 3-4-3.

In questo secondo tempo la Samb attacca da sinistra verso destra.

Rossoblu subito in avanti alla ricerca del pareggio e Mestre sulla difensiva.

54’: Esce Neto Pereira per posto a Sottovia.

57’: Su assist di Conson sullo stretto in area di rigore, Di Massimo si libera con una finta di un avversario e va al tiro, la conclusione però risulta alta sopra la traversa.

I rossoblu attaccano senza soluzione di continuità ma non creano pericoli a Gagno, dall’altra parte il Mestre si difende con ordine e agisce di rimessa.

64’: Ammonito Boscolo Papo

66’: In contropiede il Mestre raddoppia con Sottovia, Casarotto fugge per vie orizzontali serve Sottovia lungo l’out mancino che entra in area indisturbato e trafigge con un diagonale Perina. Dunque Samb 0 – Mestre 2

67’: Esce Esposito per posto a Stanco.

74’: Bellomo ben imbeccato da Marchi fugge sulla sinistra, si libera di un avversario entra in area lasciando partire un tiro che si perde alto sopra la traversa

76’: Esce Boscolo Papo per posto a Zecchin.

81’: Esce Marchi per posto a Gelonese.

Nonostante il modulo dei rossoblu sia a trazione anteriore Gagno non deve effettuare nessun intervento, i rossoblu attaccano a pieno organico ma non sono pericolosi mentre i lagunari oltre a difendersi con ordine giocano di rimessa e lo fanno con una certa pericolosità

85’: Esce Rubbo per posto a Beccaro.

93’ Ammonito Bellomo.

La gara cala di intensità causa la stanchezza di entrambe le squadre anche se i rossoblu fino all’ultimo cercano la via della rete, ma il Mestre chiude tutti gli spazi e per i rivieraschi è difficile creare occasioni da rete.

Dopo quattro minuti di recupero termina la gara sul risultato di 0-2 in favore del Mestre.

I rossoblu nonostante la sconfitta vanno a salutare sotto la curva i propri sostenitori e piovono anche dei fischi all’indirizzo degli stessi giocatori.

La squadra vista questa sera è la lontana parente di quella ammirata contro Padova e Reggiana, i rossoblu hanno avuto un’involuzione in negativo che nessuno si aspettava, tra l’altro aveva di fronte una squadra ostica ma alla propria portata come abbiamo scritto in sede di presentazione di questo incontro.

Il portiere ospite Gagno non ha dovuto compiere interventi di rilievo.

Va detto per inciso che il Mestre non ha rubato nulla ed ha meritato la vittoria anche se il primo goal dei lagunari sembrerebbe che sia stato segnato in fuorigioco come del resto la rete annullata a Conson.


di Marco De Berardinis
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 16-02-2018 alle 23:23 sul giornale del 17 febbraio 2018 - 478 letture

In questo articolo si parla di sport, sambenedettese calcio, noi samb, articolo, Marco De Bernardinis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aRLP





logoEV
logoEV