Massignano: note di tuba e pianoforte per la Madonna del Soccorso

1' di lettura 10/09/2016 - La liturgia penitenziale di venerdì sera 9 settembre 2016, tenutasi nella splendida cornice della chiesa di S. Giacomo Maggiore, si è conclusa con un concerto di bei canti dedicati alla Madonna, eseguito dal duo: Gianmario Strappati alla tuba e Luigi Del Prete al pianoforte e chitarra elettrica.

Un momento particolarmente armonioso e piacevole poiché sono state proposte melodie classiche, (che si cantano nei Santuari più importanti d’Europa), canti tradizionali e canti del nostro tempo, tutti aventi come tema la Madre Celeste. Intermezzo di recita comunitaria della Preghiera alla nostra Patrona Madonna del Soccorso, “Ave Mater et Regina Nostra”, scritta da Don Mario Angelini e finale: “Ave o Madre del Soccorso” di Luigi Del Prete.

Molto bello e tecnico è stato il brano: “Czardas” composto da Vittorio Monti che ha visto particolarmente impegnato il tubista Strappati in diversi passaggi musicali, perché la parte scritta per il violino è stata interpretata con la tuba strumento vocato tradizionalmente per l’accompagnamento.

Comunque, entrambi i musicisti, sono stati bravi e preparati e sono stati ringraziati dal pubblico con lunghi applausi. Non è mancata la popolarissima la canzone: “Mamma” di Beniamino Gigli. Il parroco Don Mario, nel suo breve discorso, ha voluto evidenziare come il linguaggio della musica, in particolare quella cristiana, è un mezzo che serve per accendere la fede, elevare l’anima a Maria e pregare insieme a Lei.


di Luigi Verdecchia
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 10-09-2016 alle 08:58 sul giornale del 12 settembre 2016 - 1848 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, articolo, Luigi Verdecchia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aA2T





logoEV
logoEV