Bando Picenambiente: l'Ugl scrive al Presidente per chiedere la modifica del bando

Picenambiente 1' di lettura 30/11/2015 - 'La UGL ha scritto al Presidente della PICENAMBIENTE chiedendo di tagliare radicalmente il valore del colloquio individuale e di rendere vincolante il ricorso all’esame scritto. Le selezioni, sempre delicate per adeguarle ad una corretta imparzialità e riconoscere il valore professionale di ognuno dei partecipanti, hanno necessità di essere ben ponderate per attutire una discrezionalità oltre modo invadente.

Consentire, come fa il bando di selezione di PICENAMBIENTE ad una commissione nominata dalla stessa PICENAMBIENTE di dare ad ogni candidato, nel colloquio, un punteggio da 1 a 25, vuol dire consegnare al colloquio la scelta decisiva delle 25 unità lavorative.

In città, la prossima primavera ci saranno le elezioni amministrative. La PICENAMBIENTE, è si nell’ambito giuridico privato, ma è a maggioranza pubblica e il Comune di san Benedetto del Tronto è Comune capofila.

Un quadro davvero delicato che apre la stura a tutte le più opache e maliziose interpretazioni.
La UGL fa una scelta netta: la trasparenza della selezione e la difesa del diritto di tutti a partecipare alla pari alla selezione per poter entrare tra i primi 25, esclusivamente per merito; punto e basta.

Questo chiediamo alla PICENAMBIENTE; rimettere alta l’asticella della trasparenza. Lo farà, non lo farà la PICENEAMBIENTE?!

La UGL la sollecita ad assumere questo livello comportamentale, a garanzia di tutti i partecipanti alla selezione.'






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2015 alle 21:35 sul giornale del 01 dicembre 2015 - 465 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ugl, picenambiente San Benedetto del Tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aq7F





logoEV
logoEV