Monsampolo del Tronto. Chiusura Ufficio Postale, protesta ad Ancona per tutti i comuni marchigiani penalizzati

1' di lettura 05/04/2015 - Si è svolto ad Ancona, nella mattinata di giovedì 2 aprile, un sit-in davanti la sede della direzione regionale di Poste Italiane. L’iniziativa, promossa dalle sigle sindacali Slc Cgil, Flp Cisl, Uil Poste, Confsal e Failp Cisal, è stata organizzata per protestare contro le prossime misure riorganizzative che vedranno nelle Marche 10 uffici postali chiudere e altri 23 venire razionalizzati negli orari di apertura al pubblico.

Nel Piceno sarebbero 3 gli uffici che chiuderebbero come quello di Monsampolo del Tronto, mentre in altri 4 come a Monteprandone verrebbero ridotti gli orari delle aperture

“Il piano di interventi (razionalizzazioni e chiusure) invece penalizza e discrimina le comunità più piccole della regione” scrivono in una nota stampa le sigle sindacali, che snocciolano anche qualche dato: “circa 16.000 cittadini (oltre 6.000 famiglie) resterebbero senza ufficio postale; mentre altri 22.000 cittadini (9,000 famiglie) dovranno accontentarsi delle poche giornate di apertura che Poste ancora per poco tempo, possiamo pensare, ha ritenuto di mantenere“.

Alla protesta hanno partecipato oltre 100 persone e molte di più all’assemblea seguente per entrare nel merito della questione. “Dal confronto fra rappresentanti di categoria, amministratori e parlamentari – scrive la Cisl - è stato confermato il dubbio che il piano sia sbilanciato e creerà gravi disagi per i cittadini, oltre al fantasma della perdita di occupazione“.


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2015 alle 09:54 sul giornale del 07 aprile 2015 - 527 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di San Bendetto del Tronto, articolo, comune di monsampolo del tronto, chiusura ufficio postale Monsampolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ahGH