Prc: 'Il Consiglio Regionale evita ancora la discussione sul paesaggio'

1' di lettura 29/03/2015 - Ancora una volta il Consiglio regionale ha evitato di discutere la legge d’iniziativa popolare in difesa del territorio e del paesaggio sottoscritta da oltre 5000 marchigiani.

Una legge che ha il suo cardine nella salvaguardia del territorio come bene comune indisponibile alla speculazione e che individua nel controllo democratico dal basso lo strumento di indirizzo e di programmazione. Aldilà delle “furberie” di fine legislatura, si tratta di un chiaro segnale della volontà di avere mano libera su promesse e patti trasversali.

L’inequivocabile conferma dell’impermeabilità di questa politica alle istanze di partecipazione e di protagonismo sociale che sono gli unici e ultimi anticorpi alla deriva del populismo becero sapientemente utilizzato per distruggere i presidi democratici del Paese, con un’ offensiva dall’ alto, con le cosiddette “riforme” che sfregiano la Costituzione, e dal “basso” con le leggi che distruggono i diritti sociali e del lavoro.

In questa supponenza ed arroganza dove il Partito Democratico, in tutte le sue sfumature, e Spacca recitano la stessa parte in commedia, identici e indistinguibili, c’è tutta la miseria della politica politicante autistica e incapace di confrontarsi con la vivacità sociale e subalterna ai poteri forti ed al “pensiero unico” che idolatra mercato, profitto e competitività. Sostenere le ragioni di quella legge e continuarne la battaglia è un nostro impegno.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2015 alle 16:36 sul giornale del 30 marzo 2015 - 379 letture

In questo articolo si parla di attualità, Da Rifondazione Comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ahox





logoEV
logoEV