Massignano: il pirogassificatore sostituito dalla cogenerazione a metano

3' di lettura 27/11/2014 - L’Amministratore delegato dell’impresa Verde Marche, Ambruosi Marziano con un comunicato stampa ha reso nota la scelta della sua azienda di abbandonare il progetto del pirogassificatore di Marina di Massignano per passare alla cogenerazione a metano.

l progetto innovativo del pirogassificatore aveva provocato non poche polemiche da parte del Comitato Marina di Massignano che si batte contro l’impianto erroneamente scambiato per biomassa. “Bugia”. Per l’imprenditore il comitato " è nato ad hoc non propriamente contro l’impianto ma contro la sua persona perché beneficiava del contributo erogato del GSE (Gestore Servizi Energetici) come produttore di energia da fonti rinnovabili, per le quali i cittadini pagano il 7% sulla bolletta energetica".

Questo nuovo impianto a generazione a metano servirà a produrre energia elettrica ed acqua calda per il centro benessere, progetto che porta avanti da quattro anni, e che comprende :quattro piscine coperte, un residenze con venti miniappartamenti, un albergo con venti camere, quattro suite con vasca idromassaggio in camera da letto con cucina e camera da pranzo, benessere massaggi, stanza del sale, sauna e grotta. Ed ancora una parrucchieria, un centro estetico, una palestra di cui una riabilitativa e alcuni spogliatoi, una piazza che porta al mare attraverso il ponte con scivolo con scale, sottopasso e chalet sulla spiaggia.

Il costo totale del progetto 12.000.000,00 €.

Si comprende che con tutte le strutture da alimentare e riscaldare occorra un impianto di una certa potenza elettrica e termica. L’impianto che sostituisce il precedente è a cogenerazione a gas metano e si utilizzeranno ben 12 caldaie. Le domande che l’imprenditore pone sono: “Chi inquina di più? Il Comitato è contro l’inquinamento o contro di me? O è contro perché con il sistema di pirogassificazione si beneficia degli incentivi?"

Il contributo piuttosto di rimanere in loco verrà dirottato nel Nord Italia dove invece questi impianti si stanno realizzando.

Ambruosi si è definito un imprenditore che vuole fare innovazione, infatti il 30 novembre nel centro di confezionamento di S.Elpidio a Mare (FM) sarà inaugurato il progetto “Filiera chiusa” il quale consiste che tutto il processo produttivo avvenga in azienda, dall’acquisto dei semi fino alla consegna del prodotto finito, passando per la coltivazione diretta e la certificazione dei prodotti, all’autosufficienza energetica da energie rinnovabili. Infatti in questa sede sono stati realizzati, impianti fotovoltaici, a biogas e gran parte dei mezzi di trasporto sono alimentati a metano.

Il progetto del pirogassificatore tiene a precisare Ambruosi non è stato abbandonato per mancanza di autorizzazioni, perché l’Arpam e la Provincia avevano espresso un parere di valutazione, l’unico problema che poteva esistere era il suolo dove doveva edificarsi, la centrale che era di proprietà comunale, ma se c’era un diniego di questo ente eventualmente si poteva spostare il sito sulla sua proprietà.

L’imprenditore non vuole perdere altro tempo e vuole andare avanti per non allungare i tempi di inaugurazione del centro benessere, visto che il cantiere è bloccato da diversi mesi. Ambruosi Ha ripiegato su questa soluzione della cogenerazione perché vuole terminare il centro entro il 2016 come da programma, creare delle nuove attività e quindi posti di lavoro, stimati in circa 50, cosa non facile in un momento di crisi come quella attuale.


di Luigi Verdecchia
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 27-11-2014 alle 23:05 sul giornale del 28 novembre 2014 - 1556 letture

In questo articolo si parla di attualità, Comune di Massignano, articolo, impresa Verde MarcheAmbruosi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/acaA





logoEV