Lello Arena apre con 'L'avaro' la stagione del Concordia

2' di lettura 25/11/2014 - Lello Arena con L’avaro di Molière per la regia di Claudio Di Palma apre, venerdì 28 novembre, la stagione in abbonamento del Teatro Concordia realizzata da AMAT e Comune con il contributo di MiBACT e Regione Marche e il sostegno di BIM Tronto.

Lo spettacolo, che tornerà nelle Marche in gennaio al Bramante di Urbania (info 071/2072439) vede in scena con Lello Arena gli attori Fabrizio Vona, Francesco Di Trio, Chiara Degani, Eleonora Tiberia, Fabrizio Bordignon e Enzo Mirone. Lo spettacolo è prodotto da Bonvoyage Produzioni e Civit'Arte.

“Quando ci si appresta a un nuovo allestimento di una commedia classica è lecito chiedersi quale perdurante valore consente ad alcune scritture teatrali di attraversare i tempi incontrando e provocando in modo continuo e sempre nuovo l'interesse di pubblico ed artisti. Nel caso specifico de L'avaro di Moliere ci si chiede anche cosa permetta all'aridità spirituale e materiale di Arpagone di essere ancora tanto leggibile e cosa le abbia consentito di attraversare, senza scheggiarsi, tre secoli di trasformazioni radicali dei costumi pubblici e privati degli uomini.

La rappresentazione di un mondo intimamente corrotto è straordinariamente contemporanea e si articola intorno al vizio capitale dell'avarizia. Un mondo che Molière anima di complottismi, di ipocrisie, di opportunismi, raggiri, arrivismi, abitato da fingitori, spreconi, faccendieri, mediatrici, sensali di fronte ai quali l'avaro Arpagone si erge quasi come figura consapevole e sinceramente reo-confessa, pervasa, infondo, da una profonda onestà intellettuale.

Arpagone nella sua solitudine apparentemente compiaciuta e strafottente, ma che lo costringe a perdere poi quasi più di quanto abbia cercato di trattenere e nel suo valutare il dono come una perdita (e la perdita è spreco e lui è un economo conservatore) è complementare a tutti gli altri. È un posseduto dal denaro, accumula ma non usa, diffida, sospetta, accusa, impone, capitola. Anche nelle faccende di cuore. E, pur se subdolamente si riabilita, la sua insana fragilità lo destina a un drammatico succedersi di buffo e tragico”. (dalle note di regia)

Dal 25 novembre saranno in vendita anche i biglietti per tutti gli spettacoli del cartellone a 20 euro per la platea, 15 euro per la galleria. Biglietti ridotti in platea dalla fila O alla fila Q e in galleria a 10 euro riservati ai giovani fino a 25 anni e ai Soci Touring Club. Sarà possibile in ogni caso acquistare i singoli biglietti alla biglietteria del Teatro Concordia nei tre giorni precedenti ogni spettacolo dalle ore 17,30 alle 19,30 e il giorno di rappresentazione dalle 17,30 in avanti.

Informazioni alla Biglietteria del Teatro Concordia (tel. 0735/588246), all'Ufficio Cultura del Comune di San Benedetto (tel. 0735/794588 e 0735/794460, www.comunesbt.it), e all’AMAT ad Ancona (tel. 071/2072439, www.amatmarche.net).






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2014 alle 19:56 sul giornale del 26 novembre 2014 - 480 letture

In questo articolo si parla di teatro, spettacoli, amat marche, Teatro Concordia San Benedetto del tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ab4l





logoEV