Calcio: secondo turno di Coppa Italia Marche, 1-2 tra Grottammare e Fermana

3' di lettura 18/10/2012 - All’andata fini 1-1 tra Grottammare e Fermana, al ritorno pure. Salvo supplementari. La fatica e la forza di gravità, che ha deriso entrambe le fazioni con la negazione di due gol che avrebbero potuto indirizzare la gara verso mete diverse sostituendoli con due traverse, sanciscono per gli uomini di mister Giudici la garanzia dell’accesso al prossimo turno, e per quelli di mister De Amicis la mesta conferma che si può lottare e rinvigorirsi lo spirito quanto si vuole, ma quando ci si mette di mezzo anche la sfortuna c’è poco da fare.

Quella di mercoledì sera è stata una partita stranissima nella sua normalità. Una consuetudine d’accadimenti che ha prima traghettato le due formazioni nella regolare esecuzione dello spettacolo calcistico con le sue occasioni da gol e di circostanza, per poi riversare tutta l’eccentricità del calcio nelle parti finali del match, con due traverse, intensi focus d’azioni e col classico gol in pieno secondo tempo supplementare quando la mente dei giocatori è già regolata sulla roulette dei calci di rigore. Una gara caratterizzata dal colore rosso, con tre espulsioni (Il DS Aniello, mister De Amicis e Matera, che stavolta è un giocatore) e sintomatica dello stato di malasorte nel quale è sprofondato il Grottammare, che nonostante il risveglio di Rosa con tanto di prima realizzazione dall’inizio del campionato (ma anche con tanto di rigore fallito) e una maggiore consapevolezza del proprio potenziale che a discapito del brutto periodo riesce sempre a dimostrare la sua concretezza, non riesce a divincolarsi dalle congiunture in suo sfavore facendosi colpire in pieno da esse.

Dal canto suo la Fermana conduce un match abbastanza equilibrato, è brava nel contenere le offensive rivierasche e si mantiene simmetrica e concentrata. Qualche nota dolente nel reparto difensivo, con errori che a volte scaturiscono in pericolosi regali ai bianco-celesti. Nel taccuino delle note di merito impossibile non annotare Petrucci, senza dubbio alcuno uomo partita. Onnipresente e veloce sulla fascia, sbaglia poco e tira tanto. Per lui la classica traversa che anche stavolta ha negato la gioia di un gol al padroni di casa, gol arrivato al photofinish che ha illuso i bianco-celesti facendogli credere che almeno per una volta dall’inizio della stagione il merito di una buona prestazione potesse regalare la vittoria. Ma la meritocrazia in Italia, e soprattutto dalle parti di Grottammare, per stia diventando sempre più una rarità.

GROTTAMMARE-FERMANA: 1-2
GROTTAMMARE: Marinelli, Pagliarini (64’ Rosa), Schicchi, Gaibo, Capriotti, Adamoli, Frattali (99’ Egidi), Simoni, Ludovisi, Nardini, Petrucci. A disp: Pignotti, Silvestri, La Grassa, Monaco, Tozzi. Allenatore: Giuseppe De Amicis
FERMANA: Chessari, Matera, Gentile, Mangiola (65’ Cafagna), De Tullio (75’ Maccia), Bolzan, Tartabini, Casim F., Attadia, Fabiani (52’ Pazzi), Lepri. A disp: Livini, Murazzo, Marcatili, Spinozzi. Allenatore: Tiziano Giudici
ARBITRO: Ciattaglia di Jesi (Petracci-Carriero)
RETI: 61’ Attadia, 88’ Rosa, 112’ Bolzan
AMMONITI: Schicchi, Gaibo, Lepre, Frattali, Rosa
ESPULSI: 25’ Aniello (DS Grottammare), 51’ Matera, 55’ De Amicis (Allenatore Grottammare)
ANGOLI: 6-5
RECUPERO: 3’+4’
SPETTATORI: 150 circa






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2012 alle 19:32 sul giornale del 19 ottobre 2012 - 1011 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, grottammare, Grottammare Calcio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/E8g





logoEV
logoEV