Personale comunale in Emilia per la popolazione terremotata

Terremoto Emilia 1' di lettura 13/06/2012 - Anche il personale del comune di San Benedetto del Tronto opererà nelle zone terremotate dell’Emilia.

Nei giorni scorsi il sindaco Giovanni Gaspari aveva formalmente manifestato, tramite il Dipartimento di Protezione Civile della Regione Marche, la disponibilità dell’Ente ad inviare nell’area del sisma personale adeguatamente formato nel campo della protezione civile. La risposta è arrivata nei giorni scorsi dalla regione Emilia Romagna: dal 16 al 30 giugno un primo nucleo di due operatori della Polizia Municipale con un mezzo (una Panda 4 X 4) opererà sotto il coordinamento del Comando della Polizia Locale dell’Unione dei Comuni Modenesi Area Nord con capoluogo la città di Mirandola.

Sempre da sabato 16 fino al 20 giugno i primi tre volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile di San Benedetto saranno all’opera nella tendopoli gestita dalla regione Marche in località Massa Finalese nel comune di Finale Emilia, in provincia di Modena. Altri ne partiranno nelle settimane successive.

Infine un geometra, che già aveva operato nelle zone terremotate di Marche e Umbria, a partire da lunedì 18 giugno avrà la responsabilità del coordinamento di una squadra di rilevamento incaricata di valutare l’agibilità degli edifici in una zona che gli sarà assegnata dalla Regione Emilia Romagna.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-06-2012 alle 17:39 sul giornale del 14 giugno 2012 - 564 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, san benedetto del tronto, Comune di San Benedetto del Tronto, emilia-romagna, sisma

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/AlY





logoEV
logoEV