Inquinamento: limitazioni per stufe, caldaie e forni

forno a legna 1' di lettura 10/02/2012 - Dopo la limitazione della circolazione per le auto più inquinanti, il Comune di San Benedetto ha adottato ulteriori provvedimenti volti a ridurre l’emissione di sostanze inquinanti.

Una nuova ordinanza, valida fino al 15 maggio 2012, prevede limitazioni all'utilizzo di forni e altri apparecchi termici a biomassa.

Per le attività produttive il provvedimento riguarda essenzialmente l'uso dei forni, ed è limitato agli esercizi ubicati nelle vie interessate dall’ordinanza sulla limitazione del traffico, ossia nelle vie Silvio Pellico e della Liberazione (ex Statale 16) nel tratto compreso tra Via Manara e Via Gabriele Voltattorni.

Per i privati invece le limitazioni si applicano su tutto il territorio comunale, e interessano stufe, caldaie e caminetti alimentati a legna, cippato e pellet. L'ordinanza vieta l'accensione degli impianti quando è presente e funzionante un altro tipo di riscaldamento autonomo o centralizzato, e per il riscaldamento di ambienti esterni.

Sono stati fissati i limiti da non superare per la temperatura: 19°C negli edifici residenziali, 17°C in quelli industriali, con una tolleranza di 2°C.

I possessori degli impianti e dei singoli apparecchi di riscaldamento domestico dovranno presentare al Comune entro il 29 febbraio 2012 un’autodichiarazione circa ubicazione e caratteristiche dell’impianto. L'amministrazione ha previsto ispezioni a campione per verificare gli impianti.






Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2012 alle 15:40 sul giornale del 11 febbraio 2012 - 622 letture

In questo articolo si parla di attualità, inquinamento, biomasse, marco vitaloni, forno a legna, pizzerie

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/u4E