Pescatori, sciopero a oltranza

pesca 1' di lettura 31/01/2012 - Barche ancora ferme a San Benedetto, continua lo sciopero dei pescatori.

Decisive le missioni dei marinari rivieraschi a Termoli, lunedì, e Ancona, domenica, dove i pescatori locali erano pronti per riprendere il mare.

I sambenedettesi, con la complicità del maltempo, sono riusciti a convincere i loro colleghi a prolungare lo sciopero, che dura ormai da una decina di giorni.

Il mercato del pesce fresco è praticamente fermo, quel poco che arriva viene dai porti dei paesi extracomunitari che si affacciano sull'Adriatico. La protesta potrebbe durare per tutta la settimana, in programma ci sono diversi incontri tra le marinerie di tutta Italia per stabilire il da farsi.

Intanto si sta lavorando a delle possibili soluzioni al problema dell'acquisto del carburante, sempre più caro tra nuove accise e aumento dell'iva. L’Assimpesca sambenedettese sta pensando all'approvigionamento del gasolio dall'estero, in modo tale da poter evitare una parte della tassazione: si tratterebbe di installare delle colonnine di carburante ad esclusivo uso della marineria, che comprerebbero direttamente i carichi di gasolio.






Questo è un articolo pubblicato il 31-01-2012 alle 15:54 sul giornale del 01 febbraio 2012 - 604 letture

In questo articolo si parla di attualità, marco vitaloni, sciopero dei pescatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/uB3