Allarme smog in via Gramsci

san benedetto 1' di lettura 11/01/2012 -

Continuano ad aumentare le lamentele e le proteste dei residenti e commercianti di Via Gramsci, per l'alta concentrazione di inquinamento nell'area.



Al centro delle segnalazioni il piazzale della stazione ferroviaria, capolinea dei bus urbani ed extraurbani, che nelle ore centrali della giornata vede file di autobus in sosta, anche in doppia fila, e spesso con i motori accesi. Oltre agli ovvi disagi per il traffico, che coninvolge anche Via Pizzi, gli abitanti si lamentano di dover tenere chiuse porte e finestre, per non far entrare gas di scarico e rumori molesti.

Per risolvere la situazione nel 2009 l'allora assessore alla viabilità Settimio Capriotti aveva presentato un progetto per spostare il capolinea degli autobus in un’autostazione da costruire all’interno del parcheggio della stazione, con una biglietteria, una sala d'attesa e un parcheggio interrato. Il Comune partecipò a un bando regionale per reperire le risorse, ma da allora non si è saputo più niente.

L'unica risposta che arriva dagli addetti ai lavori è che il progetto c'è ma mancano i circa 700mila euro necessari per realizzare l'opera. Una possibile soluzione potrebbe essere la collaborazione con investitori privati, che si accollerebbero i costi di realizzazione in cambio della gestione dei parcheggi interrati.






Questo è un articolo pubblicato il 11-01-2012 alle 18:02 sul giornale del 12 gennaio 2012 - 625 letture

In questo articolo si parla di attualità, inquinamento, san benedetto del tronto, san benedetto, stazione ferroviaria, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/tOs





logoEV
logoEV