Tutor a sostegno dei soggetti svantaggiati, il bando

disabili 2' di lettura 20/04/2011 -

Si conferma l’impegno della Amministrazione provinciale nel promuovere nuovi e concreti interventi nel campo dell’inclusione sociale e nel contrasto alla disoccupazione, soprattutto giovanile.



In questa prospettiva, si inserisce il bando a cura del Servizio Formazione Professionale e Politiche del Lavoro, che intende offrire a circa 80 assistenti sociali l’opportunità di svolgere attività di tutoraggio (didattico/organizzativo) a soggetti appartenenti a categorie svantaggiate (disabili, soggetti svantaggiati over 50 e lavoratori espulsi dal mercato del lavoro) come previsto dall’avviso pubblico (Obiettivo regionale 2 F.S.E. - Asse III) dal titolo “Misure di accompagnamento e di sostegno all’occupazione finalizzate ad agevolare l’inserimento nel mercato del lavoro di soggetti svantaggiati appartenenti a nuclei familiari a basso reddito DGR 992/10”.

Si tratta di figure specifiche e altamente professionalizzate che, in stretta sinergia con i Centri per l’Impiego provinciali, saranno chiamate a svolgere diverse mansioni, sempre a supporto dei soggetti destinatari delle misure di accompagnamento, con l’obiettivo di guidarne attivamente il loro approccio nel mercato del lavoro.

Tra i vari compiti, ogni tutor dovrà, fra l’altro, organizzare attività di formazione individuale, collaborare alla ricerca del soggetto ospitante, assicurare all’assistito tutte le misure utili per la gestione amministrativa dell’esperienza lavorativa, effettuare il bilancio di competenze e ogni altro tipo di orientamento.

I destinatari, individuati da apposita graduatoria stilata da una commissione interna del Servizio Formazione professionale presieduta dalla dirigente dott.sa Matilde Menicozzi, beneficeranno di un contratto di co.co.co (collaborazione coordinata e continuativa) di durata annuale, per un compenso di 600 euro per ciascun incarico di tutoraggio. Ogni titolare potrà essere assegnatario di un massimo di tre incarichi.

“La Provincia, attraverso questo importante intervento, conferma il proprio impegno sul territorio, non solo a sostegno di particolari categorie svantaggiate, ma anche nell’incentivare e sostenere l’ingresso nel mondo del lavoro di nuove figure professionalizzate – spiegano il Presidente Piero Celani e l’Assessore al Lavoro Aleandro Petrucci – E’ nostro auspicio che questo innovativo progetto si possa ripetere, anche nei prossimi anni, grazie anche all’erogazione di ulteriori risorse da parte del F.S.E. per la programmazione 2010/2013”.

Per prendere visione del bando e per conoscerne i contenuti è possibile consultare l’Albo Pretorio dell’Ente o scaricare all’indirizzo internet www.provincia.ap.it/formazionelavoro/, mentre per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi al Servizio Formazione Professionale e Politiche Attive del Lavoro, chiamando il numero telefonico 0736/277 426. Si ricorda, infine, che il termine ultimo per la presentazione delle domande è fissato al giorno 10 Maggio 2011.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2011 alle 14:17 sul giornale del 21 aprile 2011 - 840 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/jQC





logoEV
logoEV