A San Benedetto qualità dell’aria 'a norma'

Comune di San Benedetto del Tronto 3' di lettura 05/01/2011 -

Buone notizie per l’inquinamento atmosferico a San Benedetto. Nel corso del 2010, infatti, non è stato superato il limite delle 35 giornate con “sforamenti” nella concentrazione di polveri sottili nell’aria, le famose PM10. Il limite di 35 giornate è previsto dalla legge. Una volta superato, è obbligatorio prendere provvedimenti di vario genere, per cercare di rimediare.



Alla data del 29 dicembre, la centralina installata in piazza Kolbe, lungo la Statale 16, ha registrato trentatré superamenti della soglia di 50 microgrammi per metro cubo di PM10. S’intende che se anche i prossimi dati dovessero evidenziare il superamento della soglia negli ultimi due giorni dell’anno, non verrà comunque raggiunta “quota 35”. Da notare che nel 2009 i superamenti erano stati 32, nel 2008 si era arrivati a 47 e l’anno prima a 46.

Nei mesi scorsi si era parlato di malfunzionamento e mancanza di dati provenienti dalla centralina di piazza Kolbe. In realtà, il “black out” vero e proprio si è avuto tra maggio e giugno, periodo a bassa concentrazione di agenti inquinanti, per il fatto che non sono attive le caldaie per il riscaldamento domestico. In altri mesi del 2010, invece, mancava alla Provincia di Ascoli un addetto alla raccolta dei dati, nonostante la centralina continuasse a raccoglierli. In questi giorni, finalmente, i dati sono stati elaborati, e il risultato per San Benedetto è stato molto lusinghiero, evidenziando una delle migliori situazioni a livello regionale.

Questo non toglie, però, che proprio la media registrata sul territorio di tutte e cinque le province abbia costretto la Regione Marche, in base a normative europee, a indire per il prossimo futuro il blocco della circolazione per auto Euro1 e Euro2, in alcune fasce orarie: un provvedimento di cui si parlerà più in dettaglio nelle prossime settimane, dopo che i Comuni avranno emesso le necessarie ordinanze.

«Siamo molto soddisfatti del risultato sul 2010, ma soprattutto della tendenza relativa alla media annuale», dichiara l’assessore ai Trasporti Settimio Capriotti, «Dal 2007 ad oggi abbiamo avuto una costante diminuzione della media giornaliera nella concentrazione di polveri sottili nell’aria, da 33,5 microgrammi a 30,1. Questo vuol dire che abbiamo centrato con decisione l’obiettivo di legge relativo alla media, fissato proprio in 30 microgrammi per metro cubo. Avessimo realizzato questo obiettivo solo un anno, si sarebbe potuto parlare di fortuna, ma la costante diminuzione premia le nostre politiche, come la scelta degli autobus a metano, gli incentivi all’uso della bicicletta e alle energie alternative, tramite pannelli solari e fotovoltaici. Naturalmente, un contributo è arrivato anche dalla maggiore diffusione di auto a gpl, a metano, e in generale dai veicoli euro4 e euro5».

Si ricorda, infine, che fino a domenica 9 gennaio è attiva a San Benedetto una linea di bus navetta gratuiti, che percorrono il lungomare dalla "chiesetta di legno" a via Morosini, zona Ballarin. Il servizio è attivo dalle ore 10 alle 12 e dalle 16,30 alle 20,30. Vengono impiegati bus alimentati a metano, dotati di piattaforme per i disabili.

I bus partono ogni 10 minuti. Le fermate sono stabilite dinanzi agli stabilimenti balneari “Il pescatore”, “La Medusa”, “Bacio dell’onda”, poi al molo sud nei pressi dell’omonimo ristorante, e in via Marin Faliero (all’altezza del “pontino lungo”, per raccogliere tutti coloro che lasciano l’auto nella zona portuale). Sulla via del ritorno, attraverso via Colombo, nuova fermata “faro” in viale Marinai d’Italia nei pressi del Mercatino e di nuovo sul lungomare Trieste.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-01-2011 alle 17:42 sul giornale del 07 gennaio 2011 - 1154 letture

In questo articolo si parla di politica, san benedetto del tronto, Comune di San Benedetto del Tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/f5w





logoEV
logoEV