Incarico per la riqualificazione del lungomare: parla il dirigente

san benedetto 2' di lettura 08/09/2009 - Il dirigente Farnush Davarpanah interviene sull\'incarico per la riqualificazione del tratto nord del lungomare.

Non entro nel merito delle polemiche tra le forze politiche, ma mi preme, in qualità di responsabile del servizio che si occupa di progettazione di opere pubbliche per la città e firmatario del provvedimento, chiarire modalità e contenuti dell’incarico affidato ad un professionista per la redazione di un’animazione video delle proposte tecniche di riqualificazione del tratto nord del lungomare.


Innanzitutto va detto che il preventivo di 15.000 euro formulato dal suddetto professionista è il più basso tra tutti quelli richiesti, visto che, come prescrive la legge, si è addivenuti all’affidamento tramite una procedura negoziata con più soggetti. In secondo luogo, chi ha un minimo di competenza tecnica in materia sa quanto lavoro richiede la realizzazione di una serie di immagini tridimensionali che diano la misura degli interventi, anche di dettaglio, da effettuare su un tratto di lungomare lungo due chilometri, dal complesso “Las Vegas” alla foce dell’Albula, compreso il progetto di riqualificazione di quest’ultima, e della loro successiva messa in sequenza allo scopo di realizzare un’animazione della durata di 15 minuti. Un po’, tanto per capirci, come fanno le case produttrici di film di animazione.


Stiamo dunque parlando dell’impiego di elaboratori molto potenti collegati in serie tra loro che dovranno lavorare per mesi (e infatti il termine massimo previsto per la consegna del lavoro è fissato in 100 giorni) per un prodotto che l’Amministrazione poi potrà usare non solo per mostrare ai soggetti portatori di interessi diffusi (operatori di spiaggia, albergatori, professionisti, consiglieri comunali, ecc.) quello che si intende realizzare ma anche e soprattutto per organizzare momenti pubblici in cui anche i non addetti ai lavori potranno rendersi conto della proposta progettuale, intervenire, suggerire miglioramenti e modifiche. E’ un metodo che tante amministrazioni, in Italia e all’estero, adottano in presenza di progetti di vasta portata che si prefiggono di cambiare il volto di porzioni importanti del territorio cittadino (ed è senz’altro il caso di cui stiamo parlando) e che, in tutte le esperienze di cui ho conoscenza, ha sempre portato indicazioni utili per l’Amministrazione procedente. L’ultimo aspetto (ma non per importanza) da evidenziare è che questo lavoro metterà in condizione l’Amministrazione di proporsi con un documento molto significativo ed esaustivo a soggetti pubblici o privati interessati a cofinanziare un’opera così importante.






Questo è un articolo pubblicato il 08-09-2009 alle 14:26 sul giornale del 08 settembre 2009 - 774 letture

In questo articolo si parla di san benedetto del tronto, san benedetto, Comune di San Benedetto del Tronto





logoEV
logoEV