Capriotti: \'La sabbia nella vasca di colmata è stata analizzata dall’Arpam\'

porto san benedetto 2' di lettura 02/09/2009 - \"La vasca di colmata a nord del porto di San Benedetto è stata realizzata dal Genio Civile Opere Marittime di Ancona e viene utilizzata dal Genio Civile stesso.

Quando abbiamo fatto l’ultimo escavo della sabbia dall’imboccatura del porto, nel 2008, nella vasca è finito il materiale non compatibile con il ripascimento. Il materiale non era compatibile proprio perché ricco di “limo”, cioè materiale non sabbioso, ma argilloso\".

\"Quando è stato deciso l’escavo del porto di Senigallia, il Genio Civile ha ritenuto di utilizzare la vasca di colmata di San Benedetto per conferirvi il materiale. A tal fine è stata indetta una conferenza dei servizi presso la Regione Marche, alla quale erano presenti la Regione stessa, il Comune di Senigallia, il Comune di San Benedetto, la Capitaneria di Porto di San Benedetto, la Capitaneria di Senigallia, l’ARPAM, il Genio Civile di Ancona.


Durante questa riunione sono state evidenziate tutte le possibili criticità, e predisposti tutti i provvedimenti per evitare problemi relativi all’inquinamento ambientale. L’ARPAM, naturalmente, non ha atteso i riscontri “scientifici” di privati cittadini che oggi polemizzano, ma ha analizzato con propri uomini e mezzi le sabbie prelevate a Senigallia, dichiarandole materiale compatibile al conferimento nella cassa di colmata, e non “rifiuto speciale”\".


\"Si ricorderà senz’altro che la cassa di colmata è stata impermeabilizzata con tre teli di materiali speciali. La superficie della cassa, quando sarà piena di materiali sabbiosi, verrà coperta con del materiale di cava e poi solidificata. Questo, secondo i progetti del Genio Civile, e non su mie idee o proposte, corrisponde all’inizio della costruzione della banchina del terzo braccio del porto di San Benedetto. Sul lato esterno della cassa di colmata, quello verso il mare aperto, verrà innalzata una protezione con scogli naturali, che proteggerà la vasca stessa dalle mareggiate. Questo avvalora l’ipotesi dell’abbattimento dell’attuale muro paraonde, che si trova sul molo nord. Si realizzerebbe una banchina dalle dimensioni quasi triplicate, e uno spazio enorme da utilizzare per gli scopi più diversi\".

da Settimio Capriotti
Assessore alle Politiche del mare




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-09-2009 alle 18:58 sul giornale del 02 settembre 2009 - 1266 letture

In questo articolo si parla di porto, politica, san benedetto del tronto, Comune di San Benedetto del Tronto, Settimio Capriotti