Monteprandone: Jazz e Non Solo con gli \'Spontini Dixie\'

Jazz 1' di lettura 27/07/2009 - Non tutti lo sanno ma il genere Dixie nasce come risposta alla musica dei neri di \"New Orleans\" e costituisce il primo approccio dei musicisti bianchi verso i linguaggi degli strumentisti afroamericani.

I tipici suoni Dixie, fatti di marce e pezzi swing assai coinvolgenti risuoneranno lunedì 27 luglio a Centobuchi al Parco della Conoscenza grazie al concerto degli “Spontini Dixie”. L’evento rappresenta il terzo appuntamento della rassegna “Jazz e Non Solo”, organizzata dall’Amministrazione Comunale di Monteprandone con il supporto e la direzione artistica della Picenoeventi. Se il jazz e il blues dei “neri” d’America puntano tutto sull’improvvisazione, il genere “Dixie” è composto invece da parti scritte ed è richiesta una maggiore padronanza tecnica degli strumenti dovuta a studi classici e non autodidatti.



Padronanza che ritroviamo nel gruppo “Spontini Dixie”, una formazione strumentale nata dal desiderio degli insegnanti di formazione classica dell’Istituto Musicale “Spontini” di Ascoli di confrontarsi con le sonorità e le ritmiche del linguaggio jazz, suonando quindi le più famose melodie del repertorio “dixie” con stile ed eleganza, tant’è vero che in scaletta troveranno spazio classici come “Hello, Dolly!”, “When The Saints go Marching in” e “Down By The Riverside”.



Appuntamento allora per il 27 luglio a Centobuchi alle 21,30 con il concerto ad ingresso gratuito dello “Spontini Group”, composto da Alberto Albanesi al clarinetto, Luca Cognigni alla Tromba, Carla Poli al Sax Tenore, Berardo Piccioni alla Tuba, Francesco Di Giovanni alla Chitarra, Giovanni Damiani alla Batteria e Elvira Fioravanti al Pianoforte.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2009 alle 17:53 sul giornale del 27 luglio 2009 - 1051 letture

In questo articolo si parla di jazz, spettacoli, Comune di Monteprandone





logoEV
logoEV