Dalla \'Filieracorta\' una risposta alternativa alla crisi

convegno filiera corta 2' di lettura 04/04/2009 - Ad Ascoli una giornata per discutere sulle nuove prospettive dei circuiti locali.

Nella splendida cornice della Cartiera Papale di Ascoli, alla presenza di esperti, imprenditori e rappresentanti istituzionali, si è svolta la 1^ edizione del convegno internazionale “Filieracorta”.



L’iniziativa si inserisce nell’articolato progetto avviato dalla Provincia quattro anni fa per favorire il contatto diretto tra produttori e consumatori con l’obiettivo non solo di abbreviare la catena distributiva, ma anche di incentivare l’acquisto di prodotti agro-alimentari biologici, genuini e di qualità. Ad aprire i lavori è stato il presidente della Provincia Massimo Rossi il quale, nel suo intervento, ha posto l’attenzione “sull’urgenza di ridefinire e ripensare il modello di sviluppo globale, non solo da parte dei governi e degli organismi internazionali, condizionati talora da interessi e spinte di parte, ma soprattutto dalle realtà locali che rivestono, da sempre, un ruolo fondamentale per l’equilibrio, la crescita e il rilancio del sistema economico.



Infatti, in un momento di crisi e di grave disuguaglianza finanziaria tra Paesi ricchi e Paesi poveri – ha proseguito Rossi – appare ancora più stringente adottare provvedimenti e valorizzare attività che abbiano veramente a cuore la salute dei cittadini, la tutela dell’ambiente e la promozione di politiche più giuste e attente. La Provincia, in questi anni, attraverso il progetto “Filieracorta Picena” ha voluto offrire una risposta concreta e motivata alle esigenze della sua comunità locale e alle peculiarità del suo territorio. Un paesaggio – ha concluso il presidente – che, come immortalato con maestria da Tullio Pericoli, rappresenta una straordinaria ricchezza naturale, sociale e culturale che tutti noi siamo chiamati a rispettare e migliorare”.



A seguire si è tenuta la relazione dell’assessore all’Agricoltura e Turismo Avelio Marini che, illustrando le attività e le iniziative (un sito internet, un numero telefonico, la mappa del biologico del Piceno con 152 produttori) realizzate nell’ambito del progetto “Filieracorta”, ha ricordato il grande lavoro profuso in questi anni dalla Provincia in sinergia con imprenditori, ristoratori, produttori, venditori, allevatori, coltivatori, agricoltori e associazioni del territorio. Un’idea innovativa e rispettosa dell’ambiente che ha riscosso ampi riconoscimenti non solo nei tanti appuntamenti realizzati a livello locale, ma anche in prestigiose kermesse nazionali (tra cui il Salone del Gusto di Torino o la Bit di Milano) e internazionali (Bio Fach di Norimberga) che hanno confermato la straordinarietà del progetto.



Nel corso della giornata si sono poi succeduti gli interventi di relatori, esperti e rappresentanti del territorio che hanno affrontato tematiche di stretta attualità e rilevanza socio-economica, condividendo, nel contempo, le diverse esperienze avviate in Italia e in Europa nel campo dei nuovi circuiti di distribuzione “alternativi” e delle buone pratiche alimentari.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2009 alle 18:09 sul giornale del 04 aprile 2009 - 819 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno