Tutela della natura, \'diplomate\' 46 Guardie ecologiche

guardie ecologiche 2' di lettura 27/03/2009 - Con la partecipazione del presidente della Provincia Massimo Rossi, dell’Assessore all’ambiente Manuela Marchetti, dei dirigenti del servizi provinciali coinvolti, Maurilio Cestarelli (Formazione professionale) e Loredana Borraccini (Risorse naturali), del presidente della Riserva naturale della Sentina Pietro D’Angelo, si è tenuta nel pomeriggio di lunedì 23 marzo, nella Sala del Mare di Porto d’Ascoli, la cerimonia di consegna degli attestati ai partecipanti al corso per Guardie ecologiche volontarie.

La necessità di organizzare il corso era scaturita da un protocollo d’intesa siglato dagli Assessorati provinciali alla Formazione Professionale e alla Tutela Ambientale e risorse naturali e dal Comitato di indirizzo della Riserva della Sentina per preparare figure professionali in grado di operare nella vigilanza dei parchi e dell’ambiente e di collaborare con gli enti competenti nelle opere di soccorso in caso di calamità naturali o emergenze ecologiche. Si sono diplomate 46 nuove guardie che, dal dicembre 2007, hanno seguito presso il Centro locale per la formazione di S. Benedetto (era presente alla cerimonia anche Alberta Talamonti, direttrice del Centro) ben 300 ore di lezione su materie fondamentali per chi si appresta ad assumere un ruolo di grande responsabilità nella tutela del patrimonio naturale: da nozioni di legislazione ambientale ad elementi di biologia, botanica, zoologia, dai temi dell’inquinamento e difesa del suolo fino alla gestione del territorio e dei rifiuti.




Lo stage finale si è svolto presso la riserva naturale “Parco del Furlo” e nel Parco dei Monti Sibillini dove i corsisti hanno potuto seguire nella loro attività quotidiana gli uomini del Corpo Forestale dello Stato. Particolare soddisfazione è stata espressa dal presidente del Comitato di indirizzo dell’oasi naturalistica “Sentina” Pietro D’Angelo che si attende molto dal contributo che le Guardie ecologiche potranno dare per la tutela dell’area sulla quale, ha spiegato D’Angelo, il Comitato ha già investito molto proprio per difenderla dai sempre incombenti attacchi, siano essi in forma di occupazioni abusive che di sversamento di rifiuti, talvolta pericolosi.




Il presidente della Provincia Rossi, nel suo indirizzo di saluto ai corsisti, ha voluto sottolineare come queste siano le azioni formative che possono offrire concrete opportunità in un mondo che, una volta uscito dall’attuale crisi, dovrà per forze ripensare il suo modo di svilupparsi e non potrà che guardare con sempre maggiore attenzione alle professioni orientate alla tutela e alla valorizzazione delle tante risorse naturali di cui l’Italia dispone.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2009 alle 15:50 sul giornale del 27 marzo 2009 - 1059 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno





logoEV