Talevi (Filt Cgil Marche) sull'incidente nell'ascolano: "Ripensare la mobilità nel sud delle Marche"

traffico auto 1' di lettura 25/11/2019 - La Filt Cgil Marche lancia l’allarme sulle condizioni delle infrastrutture del sud delle Marche, soprattutto nell’Ascolano dove proprio lunedì è accaduto un grave incidente mortale.

Già venerdì scorso, la Filt Cgil, assieme alla Cgil di Ascoli Piceno, aveva affrontato tale questione, cercando di individuare una soluzione per mettere fine ai gravi disagi provocati dall’unica corsia in A14, che crea lunghe code e intoppi al traffico, con problemi anche all’economia locale.

“Occorre rimettere in campo un piano regionale dei trasporti che preveda il potenziamento del trasporto pubblico locale su ferro e su gomma, specialmente come linea di collegamento con la dorsale Adriatica”, dichiara Valeria Talevi, segretaria generale Filt Cgil Marche. Che aggiunge: “E’ inoltre necessario ripensare al rilancio del trasporto pubblico locale con una bigliettazione unica regionale, con le sinergie tra ferro e gomma e tra gomma e gomma nelle varie province”.

Infine, la Filt Cgil Marche sottolinea l’importanza del completamento della Pedemontana Abruzzo-Marche, la cosiddetta Mezzina.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2019 alle 16:32 sul giornale del 26 novembre 2019 - 192 letture

In questo articolo si parla di attualità, traffico, marche, san benedetto, ascoli, auto, porto d'ascoli, filt, filt cgil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdgs