Sport: Samb, trasferta insidiosa per i rossoblu in casa della Feralpisalò. Si giocherà domenica alle h.16:30

15/03/2019 - Il tecnico Roselli contro i lombardi dovrà ancora ancora fare a meno di Zaffagnini e Cecchini. Possibile impiego di Caccetta, Russotto e Di Massimo dal primo minuto

Il ciclo terribile dei rossoblu continua con una trasferta a dir poco proibitiva, infatti i ragazzi di Roselli renderanno visita alla Feralpislò terza forza del campionato. La dodicesima giornata di ritorno offre domenica 17 marzo il confronto tra Feralpisaò e Sambenedettese allo stadio Lino Turina di Salò. Dopo la debacle contro il Vicenza, i rossoblu devono rialzare la testa dimostrando che la zona play off, attualmente sono decimi, è un traguardo più che raggiungibile. Per inciso, i rivieraschi quando incontrano squadre di un certo spessore tecnico, vedi Ternana, Pordenone e Monza, tirano fuori gli attributi sfoderando prestazioni maiuscole. Detto ciò, i rossoblu sicuramente venderanno cara la pelle in Lombardia contro una compagine che, nell’ultimo turno di campionato, è uscita inopinatamente sconfitta in casa dell’ultima in classifica e cioè della Virtus Verona per 2-1. Dopo una settimana difficile i rossoblu andranno a Salò concentrati e consci dei propri mezzi, sicuri di fare una buona prestazione, anche se troveranno di fronte una squadra arrabbiata, desiderosa di riscatto dopo la cocente sconfitta di Verona.

Per quanto riguarda i Leoni del Garda, in estate erano partiti con i favori del pronostico insieme a Pordenone, Vicenza, Ternana e Triestina, ma dopo un girone di andata stentato, in quello di ritorno hanno iniziato a macinar punti raggiungendo il terzo posto in classifica con 50 punti, frutto di 14 vittorie, 8 pareggi e 8 sconfitte con 40 reti fatte e 30 subite.

Il presidente Pasini, pur di raggiungere la promozione in serie B, oltre ad aver chiamato per la panchina l’esperto tecnico Toscano, ha acquistato giocatori di categoria superiore, su tutti l’ex difensore rossoblu Canini e l’ex attaccante del Brescia Andrea Caracciolo, oltre ai due citati, compongono la rosa giocatori di esperienza come i difensori Contessa, Tantardini e Legati, i centrocampisti Scarsella, Pesce e Maiorino, gli attaccanti Ferretti e Marchi. Dunque una rosa competitiva che cercherà in tutti i modi di raggiungere la Triestina distante appena 2 punti, seconda in classifica, mentre sembra ormai irraggiungibile il Pordenone distante ben 11 lunghezze.

Tornando ai “fatti di casa nostra”, il tecnico Roselli contro i lombardi dovrà ancora fare a meno di Zaffagnini che è stato operato al ginocchio in settimana e di Cecchini che la prossima settimana dovrà sottoporsi a visita specialistica, non faranno parte della trasferta in Lombardia anche Signori squalificato, oltre ai soliti noti e cioè De Paoli, Brunetti e Panaioli. Il 3-5-2, visto lo spessore tecnico dell’avversario, sarà sicuramente confermato, mentre si prevedono cambiamenti per quanto riguarda gli interpreti, nello specifico Biondi dovrebbe affiancare Celjak e Miceli in difesa, Fissore agirà lungo l’out mancino, l’esperto Caccetta presumibilmente sostituirà lo squalificato Signori a centrocampo, Russotto dovrebbe affiancare Di Massimo in attacco.

Questa dunque la formazione che affronterà i Leoni del Garda e cioè: Sala; Celjak, Miceli, Biondi; Rapisarda, Gelonese, Caccetta, Ilari, Fissore; Di Massimo, Russotto.

Per quanto riguarda gli avversari, il tecnico Michele Napoli, che sostituirà in panchina lo squalificato Toscano, non avrà a disposizione lo squalificato nonché ex rossoblu Canini che dovrebbe essere sostituito da Mordini nei quattro di difesa, mentre confermerà il 4-3-2-1 visto a Verona contro la Virtus con questo probabile undici: De Lucia tra i pali, Legati, Mordini, Giani e Contessa i quattro difensori, Guidetti, Pesce e Scarsella i tre centrocampisti, Vita e Maiorino agiranno alle spalle dell’unica punta Caracciolo.

L’arbitro dell’incontro sarà il signor Daniele De Santis di Lecce. Il fischio d’inizio è fissato per le H.16:30 di domenica 17 marzo. Come al solito ci sarà un nutrito gruppo di sostenitori rossoblu al seguito della squadra quantificabili in circa 100 unità.

Per concludere, queste alcune dichiarazioni di mister Roselli alla vigilia del match contro la Feralpisalò: “La Feralpi ha giocato bene a Verona pur perdendo, loro hanno grandi qualità ma io non ricordo una partita in cui le avversarie ci abbiano scherzato su con la Samb, forse solo in occasione della gara d’andata a Ravenna. Adesso la Feralpi è forse fuori dalla lotta per il primo posto e quindi questo può incidere. Se guadagnava punti sul Pordenone domenica scorsa, la Feralpi poteva avere pressioni, resta pur sempre una squadra temibile.

Conosco bene la Feralpisalò e non si può negare che abbiamo calciatori di grande qualità, è una delle squadre costruite per vincere il campionato. Noi però andiamo lì per giocarcela. Per quanto riguarda il morale, stiamo bene, non ci si può buttare giù per la sconfitta contro il Vicenza, visto che è stata condizionata soprattutto dall’episodio del rigore e cartellino rosso. Anche la Feralpisalò ha perso nell’ultimo turno, ma sono convinto che nessuna delle due squadre avrà un problema psicologico nell’approccio al match, sarà una bella gara. Noi daremo il sangue fino al termine della stagione, l’ho promesso ai tifosi”.


di Marco De Berardinis
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2019 alle 15:06 sul giornale del 16 marzo 2019 - 411 letture

In questo articolo si parla di sport, sambenedettese calcio, noi samb, articolo, Marco De Bernardinis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a5oz