Grottammare: PM10, due ordinanze per ridurre le emissioni

07/03/2019 - Sono in vigore da qualche giorno due ordinanze per l’abbattimento delle polveri sottili PM10 prodotte da attività produttive, dal riscaldamento degli edifici pubblici e privati (ord. N.18 del 26 febbraio) e dalla circolazione di alcuni tipi di veicoli, particolarmente inquinanti (ord. N.20 del 4 marzo).

Limitazioni alla circolazione dei veicoli più inquinanti e alle esalazioni prodotte da attività e riscaldamento degli edifici.

I documenti elencano una serie di limitazioni volte alla riduzione, a fini salutistici ed ambientali, della concentrazione degli inquinanti nell’aria che avranno durata fino al 15 aprile; riprenderanno dal 15 settembre 2019 per quanto riguarda le attività produttive e il riscaldamento degli edifici. Entrambe le ordinanze sono emesse in ottemperanza alla deliberazione della Giunta regionale n. 103 del 04/02/2019 relativa a “Misure contingenti 2018/2019 per la riduzione dellaconcentrazione degli inquinanti nell'aria ambiente nel territorio dei Comuni della zona costiera e valliva”.

Le disposizioni riguardanti le attività produttive - che siano industriali, artigianali, commerciali o agricole –si applicano nella zona urbana e dovranno essere rispettate tutti i giorni della settimana: dovranno ridurre le emissioni di polveri totali e di ossidi di azoto in modo tale da attenersi a valori inferiori del 10% rispetto ai limiti autorizzati, salvo quelle autorizzate con limiti uguali o inferiori al 45% dei limiti nazionali.

Nello specifico, le attività di panificazione e ristorazione possono utilizzare la combustione di biomasse legnose per la cottura dei cibi solo se tali apparecchiature siano dotate di filtri che eliminino almeno il 50% delle polveri sottili PM10 e siano predisposti per il controllo dei fumi. I titolari di tali attività devono comunicare al Comune i dati degli impianti di abbattimento.

E’ vietato l’utilizzo di olio combustibile.

Per quanto riguarda il riscaldamento degli edifici pubblici e privati, le misure limitative si applicano nei giorni da lunedì a venerdì, esclusi i giorni di festività nazionale. Il divieto di accensione riguarda impianti e apparecchi che usano la combustione di biomasse solide (legna, cippato, pellet, carbonella), quando nell’unità immobiliare è presente e funzionante un altro tipo di riscaldamento.Si ricorda che l’utilizzo di olio combustibile è vietato dal 1° settembre 2017.

Il divieto di circolazione è obbligatorio dal momento dell'esposizione della relativa segnaletica stradale e fino al15 aprile 2019, dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 18.30, nei giorni da lunedì avenerdì, esclusi i giorni di festività nazionale che vi ricadono, nel centro abitato del Comune diGrottammare. Riguarda sia mezzi ordinari che speciali. L’elenco è consultabile on line.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-03-2019 alle 17:31 sul giornale del 08 marzo 2019 - 416 letture

In questo articolo si parla di attualità, grottammare, pm10, comune di Cupramarittima, comune di San Bendetto del Tronto, Enrico Piergallini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a44H