Sport: Samb, con una squadra in piena emergenza, i ragazzi di Roselli strappano un punto meritato a Gubbio, la gara termina 0-0

22/12/2018 - Ad un primo tempo più vivace, ha fatto riscontro una ripresa con pochissime emozioni. Una occasione per parte, entrambe nella prima frazione di gioco. Gara degli ex, Roselli da una parte, Galderisi dall'altra. Settimo risultato utile consecutivo per i rivieraschi

E’ terminato a reti bianche l’incontro tra Gubbio e Sambenedettese, con i rossoblu rivieraschi che non hanno sofferto più di tanto gli attacchi degli uomini dell’ex Galderisi.

I ragazzi di Roselli, in formazione rimaneggiata per le numerose assenze, anche lui in passato ha allenato gli umbri, hanno portato a casa un meritato pareggio, giocando una gara a viso aperto senza mai chiudersi in difesa.

Una occasione per parte nel primo tempo, poche le emozioni nella ripresa, con gli umbri che hanno reclamato due penalty, mentre uno ne ha reclamato la Samb.

Contro i rossoblu umbri Roselli confermava il canonico 3-5-2 delle ultime settimane, al centro della difesa riproponeva Gelonese al posto dell’infortunato Celjak, in attacco Ilari affiancava Calderini, i restanti nove uomini erano gli stessi che avevano battuto il Rimini.

Ad un primo tempo combattuto ed equilibrato, condito da un’occasione per parte, come detto in precedenza, in cui le due squadra hanno pensato più ad offendere che a difendere, ha fatto riscontro una seconda frazione di gioco più equilibrata con pochissime emozioni.

Partiva a spron battuto la Samb e già al secondo minuto di gioco si faceva vedere dalle parti di Marchegiani con un cross insidioso di Ilari, ma Calderini non arrivava all’appuntamento con la sfera per poco e l’azione sfumava.

Mentre al 10’ colpiva una clamorosa traversa con Calderini con un tiro dalla lunga distanza.

La reazione del Gubbio non si faceva attendere e al minuto 19 una punizione di Piccinni dal limite costringeva Pegorin ad un volo plastico per deviare la sfera sopra la traversa.

Questa volta era il bomber Marchi al minuto 23 a battere una punizione dal limite, la sfera veniva deviata dalla barriera in angolo.

I rivieraschi replicavano al 29’ con Calderini, su assist di Ilari, il tiro dell’attaccante veniva parato senza problemi da Marchegiani.

Mentre al minuto 35 sugli sviluppi di un angolo ci provava Ilari, ma la sfera terminava di poco sul fondo.

Al 43’ Calderini, una vera spina nel fianco per la difesa umbra, dopo una sgroppata lungo l’out mancino metteva dentro un bel cross che costringeva all’uscita in presa aerea Marchegiani.

Infine al 45’ si creava una mischia in area rivierasca, riusciva a sbrogliare la matassa Miceli che anticipava di un soffio il bomber Marchi che era in agguato pronto a colpire.

Si andava dunque al riposo sullo 0-0 ma gara tutt’altro che noiosa.

Il secondo tempo seguiva lo stesso canovaccio del primo con le due squadre che si affrontavano a viso aperto alla ricerca del goal con una leggera supremazia eugubina.

Al 48’ gli umbri reclamavano un rigore per un fallo di mano di Zaffagnini su tiro ravvicinato di Plescia.

I rossoblu adriatici rispondevano al 62’ con Cecchini, il cui cross nel cuore dell’area avversaria, costringeva alla presa aerea Marchegiani.

Al 70’ gli umbri reclamavano un altro calcio di rigore, questa volta per un presunto fallo di Rapisarda su Casiraghi, ma l’arbitro lasciava proseguire di nuovo.

Gli umbri pigiavano sull’acceleratore senza creare però seri grattacapi a Pegorin, mentre i marchigiani agivano di rimessa.

Al minuto 82 Russotto in contropiede provava il tiro dalla distanza, parava senza problemi Marchegiani.

Sei minuti più tardi anche i rivieraschi reclamavano un rigore per un fallo di mano di un difensore umbro su colpo di testa di Gelonese, ma l’arbitro anche in questo caso lasciava correre.

Il forcing finale degli umbri non sortiva alcun effetto, Pegorin non correva pericoli di sorta e i rivieraschi portavano a casa un meritato pareggio ed il settimo risultato utile consecutivo.

Questo il tabellino della gara Gubbio – Sambenedettese.

GUBBIO (4-2-3-1): Marchegiani; Paolelli (80’ Tofanari), Espeche, Piccinni, Pedrelli; Benedetti (71’ Tavernelli), Malaccari; De Silvestro (60’ Battista), Plescia (60’ Casiraghi), Casoli; Marchi. A disp.: Battaiola, Nuti, Maini, Conti, Schiaroli, Ricci, Campagnacci, Morlandi. All. Giuseppe Galderisi

SAMBENEDETTESE (3-5-2): Pegorin; Gelonese, Miceli, Zaffagnini; Rapisarda, Rocchi, Caccetta, Signori, Cecchini; Ilari, Calderini (64’ Russotto). A disp.: Sala, Di Massimo, Brunetti, Islamaj, De Paoli, Panaioli, Gemignani. All. Giorgio Roselli

ARBITRO: Eduart Pashuku di Albano Laziale. Giudici di linea Meocci/Testi

NOTE: Pomeriggio con cielo coperto, temperatura di 8° circa, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori 1.200 circa, di cui 185 giunti da San Benedetto. Gubbio con casacca rossoblu e pantaloncini blu, Samb in completo bianco con bande orizzontali una rossa ed una blu.

MARCATORI:

AMMONITI: 22′ Rapisarda (S.), 41′ Malaccari (G.), 68’ Gelonese (S.), 75’ Casoli (G.), 89’ Signori (S.)

ESPULSI:

ANGOLI: 5-2

RECUPERO: 0’ 1° T. – 4’ 2° T.


di Marco De Berardinis
redazione@viveresanbenedetto.it





Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2018 alle 16:44 sul giornale del 23 dicembre 2018 - 344 letture

In questo articolo si parla di sport, sambenedettese calcio, noi samb, articolo, Marco De Bernardinis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a2Lk