Controlli sulla filiera della pesca: 'HIDDEN BOX', quintali di pescato sequestrato e 37000 euro di sanzioni elevate

11/05/2018 - Nel corso della settimana, i militari della Guardia Costiera appartenenti alla Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, all’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto San Giorgio e all’Ufficio Locale Marittimo di Cupra Marittima, sono stati impegnati in un’operazione complessa regionale denominata “HIDDEN BOX”. L' attività di controllo e vigilanza sulla filiera della pesca si è svolta sotto il coordinamento dalla Direzione Marittima di Ancona.

I controlli effettuati, esperiti nell’ambito del territorio delle Province di Ascoli Piceno e di Fermo, hanno avuto come obiettivi primari la prevenzione e la repressione di attività illecite sulla filiera della pesca, con particolare riguardo alla tracciabilità del prodotto ittico, al contrasto al fenomeno della commercializzazione di prodotto ittico sotto la taglia minima e al posizionamento di attrezzi da pesca sottocosta o privi dei previsti segnali identificativi.

Le attività di controllo espletate nel corso dell’operazione hanno portato al sequestro di oltre 2 quintali di prodotti ittici e all’elevazione di 10 sanzioni amministrative, per un ammontare pari a 37.000 euro, oltre al sequestro di numerosi attrezzi da posta illegali e posizionati abusivamente.

Particolarmente rilevante è stato il sequestro, operato dagli uomini della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto presso un centro di lavorazione e trasformazione di prodotti ittici freschi della provincia di Ascoli Piceno, ove sono stati rinvenuti 120 kg. di pesce allo stato giovanile che stava per essere lavorato e successivamente commercializzato. Lo stesso è stato sottoposto a sequestro e al proprietario è stata elevata una sanzione amministrativa pari a 12.000 €. L’esercizio commerciale sarà chiuso per 8 giorni.

Nel corso dei controlli in mare è stata individuata un’unità da pesca, in disarmo, al cui comando vi era un sambenedettese privo dei titoli abilitativi e non iscritto alla Gente di Mare. Il soggetto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per assunzione abusiva di comando, reato per il quale sono previste pene detentive da uno a cinque anni.

L’attività di vigilanza e di controllo svolta dal personale appartenente al Compartimento Marittimo di San Benedetto del Tronto, mirata a garantire il puntuale rispetto, da parte degli operatori della pesca, della normativa vigente e a salvaguardare gli stock ittici del Mare Adriatico, proseguirà anche nei prossimi giorni, grazie agli spunti investigativi di queste ultime operazioni.





Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2018 alle 23:38 sul giornale del 12 maggio 2018 - 227 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attualità, Alessia Rossi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aUsP