Commercio e opportunità europee: l ' appello dei commercianti del centro

10/04/2018 - L’Associazione Commercianti Porto d’Ascoli al Centro, da sempre impegnata sulle tematiche delle piccole attività commerciali ed artigianali di questa importante frazione Sambenedettese, intende promuovere e sensibilizzare tutti gli esercenti, iscritti e non all’associazione, affinché possano cogliere l’opportunità che questo bando mette a disposizione per realizzare in maniera sinergica un’iniziativa collettiva di promozione e rilancio del tessuto commerciale locale.

La Regione Marche infatti con il Bando POR FESR 14-20 – Asse 3 Azione 8.2.2. rivolto a " Progetti di Sistema per la Valorizzazione e Riqualificazione delle MPMI del Commercio e dell'Artigianato Artistico e di Qualità" punta a rivitalizzare la competitività economica dei centri storici ed urbani attraverso forme di aggregazione tra imprese del commercio e dell'artigianato artistico e di qualità con lo scopo di valorizzare il territorio e rendere più competitivo il sistema commerciale di cui sono parte.
Il bando ha una dotazione finanziaria di € 904.000 ed è rivolto alle Micro, Piccole Medie Imprese della Regione Marche.
Si potrà far domanda dal 29 marzo 2018 alle ore 13:00 del 31 maggio 2018.
Gli obbiettivi:
con questa iniziativa la Regione nello specifico intende:
 valorizzare e riqualificare le attività nelle aree urbane in armonia con il contesto culturale, sociale, architettonico, con particolare riferimento al rilancio economico – sociale dei centri storici;
 favorire la crescita, in particolare di piccole e medie attività commerciali e dell’artigianato artistico e di qualità, che integri la qualità della città e dei piccoli comuni in modo da assicurarne la attrattività, vivibilità e sicurezza;
 evitare lo spopolamento dei piccoli comuni e mantenere un’offerta adeguata;
 creare di una rete distributiva tradizionale nei centri storici caratterizzati da fenomeni di desertificazione commerciale, al fine di migliorare la capacità di attrazione delle aree interessate e la loro accessibilità;
 realizzare un qualificato livello di animazione economica, sociale e culturale.

I beneficiari sono le MPMI costituite in forma associata nei settori del commercio al dettaglio, della somministrazione di alimenti e bevande in sede fissa, dell’artigianato artistico e di qualità.

Il contributo è pari al 50% del costo ammissibile del progetto, il quale deve essere non inferiore a € 40.000,00 per la rete, e a € 5.000,00 per ogni singola impresa.
L’importo totale dell’agevolazione è di € 50.000,00.

Le spese finanziate sono:
 spese per iniziative promozionali;
 spese per l’attività di marketing, studi e ricerche;
 spese per la realizzazione di servizi comuni;
 spese per la realizzazione di sistemi informativi da sviluppare con sistema delle reti di
impresa soprattutto attraverso l’utilizzo di supporti informatici;
 spese per la progettazione, la direzione dei lavori ed il coordinamento, nel limite
massimo del 10% del costo;
 spese per opere edili, di installazione impianti ed attrezzature strettamente necessarie alla realizzazione dell’intervento e che consentono di ottenere il
miglioramento e il decoro dell’attività.

Le attività di vicinato, i piccoli esercizi commerciali, così come quelli dell’artigianato tipico ed artistico hanno un’alta valenza identitaria di un territorio se riesce a preservarne le
origini e mantenere nel tempo l’esclusività. Per far si che ciò accada è necessario intraprendere delle azioni indispensabili per combattere i colossi mondiali del commercio
che attraverso internet ed i media attuano politiche sui prezzi che non sono lontanamente immaginabili da piccole attività come le nostre. Occorre pertanto trovare strategie ben
precise per essere allo stesso tempo competitivi e resistere agli urti di competitor giganteschi.

Utilizzare al meglio queste opportunità e decidere di fare quegli investimenti che si pensavano da tempo, ma che magari senza un aiuto come questo, non si
sarebbero mai fatti,è sicuramente una valida soluzione per fare sistema e non combattere da soli.

Per queste ragioni abbiamo convocato l’assemblea degli iscritti per presentare ai soci le nostre idee e le nostre proposte lunedì 16 aprile alle ore 21.15 presso la sala del Palazzo
Comunale (via Turati). Ovviamente l’assemblea è aperta a tutti gli esercenti anche non iscritti alla nostra associazione proprio perché vogliamo che tutti i potenziali beneficiari dei
contributi possano cogliere questa rara opportunità per rilanciare insieme un settore così importante che allo stesso tempo verte in forte difficoltà.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2018 alle 19:52 sul giornale del 11 aprile 2018 - 215 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTtW





logoEV