Massignano: fischietti in mostra nel laboratorio di Luigi Fosca

18/06/2017 - Luigi Fosca perugino ma massignanese di adozione, cultore e collezionista di fischietti in terracotta, da circa 4 anni ha scelto come seconda dimora Massignano, perché bello, accogliente e riposante, con l’acquisto di un appartamento ubicato nel centro storico nel “Palazzo Faviani”.

Giovedì 15 giugno 2017 è stato inaugurato il suo laboratorio con l’esposizione permanente della collezione privata di fischietti provenienti da ogni parte del mondo: Messico, Ubeizakistan, Russia, Svezia, Portogallo, Iran ecc.

Il fischietto è il più antico giocattolo sonoro dell’antichità, ricavato da: argilla, acqua, e cotto con il fuoco soffiandoci dentro si crea un’atmosfera magica. Presenti all’evento il Sindaco Massimo Romani, due Consiglieri Comunali e molti cittadini. Massignano, astorico borgo medievale, in tempi passati vantava un’antica e gloriosa tradizione nella costruzione di fischietti con molteplici botteghe specializzate.

I fischietti in mostra sono realizzati in terracotta, tutti rigorosamente fatti a mano e sono stati acquistati direttamente dal proprietario nei paesi di origini o attraverso esperti del settore mentre una parte della collezione sono stati costruiti e ideati dal Fosca.

Una collezione che conta quasi 4000 esemplari dai più semplici a quelli più raffinati che rappresentano vere opere d’arte, messi insieme in oltre 40 anni di studi e ricerche. Il più antico fischietto risale al III secolo DC ed è di origine cinese mentre l’ultimo in ordine di acquisto proviene dal Lussemburgo, acquistato qualche mese fa da un recente viaggio.

Molto rappresentata l’Italia con i fischietti caratteristici delle varie regioni, per forma colorazione e tema. I fischietti sono comuni ad ogni nazione, ogni popolo ha dei fischietti tipici, tramite le caratteristiche di questi strumenti si esprimono la storia e la cultura che lo identifica.

Una parte dei fischietti esposti sono stati utilizzati, insieme a quelli di altri importanti collezionisti a livello nazionale, per i temi della rassegna “Fischiettando” che quest’anno si terrà l’ultimo fine settimana di luglio, di cui Luigi Fosca è il curatore e direttore artistico.

Una bella esposizione, ben curata e composta su apposite bacheche, è messa a disposizione di visitatori e turisti che ne vogliano apprezzare lo splendore, il fascino e la rarità dei pezzi, taluni unici. L’esposizione di questa mostra rientrerà sicuramente in un itinerario turistico che sarà stabilito in stretta collaborazione con il museo dei fischietti e delle pipe e della terracotta popolare per dare ai visitatori una variegata offerta di ceramica sonora.

A tutti gli intervenuti è stato offerto un magnifico rinfresco con bevande a tema con: il “Vino del fischio”, molto gradito e apprezzato dagli intervenuti.


di Luigi Verdecchia
redazione@viveresanbenedetto.it






Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2017 alle 08:42 sul giornale del 19 giugno 2017 - 558 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Luigi Verdecchia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKra