Cupra Marittima: ecco 'Florence' di Stephen Frears Paw Patrol

29/12/2016 - Il Cinema Margherita da giovedì 22 dicembre a lunedì 2 gennaio propone: Florence di Stephen Frears, con Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, Rebecca Ferguson, Nina Arianda. Il film è candidato a quattro Golden Globe 2017. Paw Patrol, arrivano al cinema in sei nuovi episodi inediti i cuccioli più famosi della tv.

Florence: New York, 1944. Florence Foster Jenkins è una melomane facoltosa che si crede dotata per il canto. Fiaccata da una malattia che cova dietro le perle e nella penombra della sua stanza, Florence decide di perfezionare il suo 'talento' con un maestro compiacente.

Perché marito ed entourage hanno deciso di tacitare la sua mediocrità. Cantare per Florence non è un capriccio ma una terapia che le permette di vivere pienamente, ricacciando i fantasmi. Ma quello che doveva essere un trastullo colto per apprendere il repertorio classico, diventa il desiderio incontenibile di trovare un palcoscenico. Maestro e consorte si prestano al gioco e l'accompagnano, uno al piano, l'altro in attesa dietro le quinte, sulle tavole celebri della Carnegie Hall. Nella speranza che il concerto non volga in fiasco (www.trovacinema.it)

“Incarnata da Meryl Streep con gesto manierato e consolidato, Florence è una sopravvissuta a un matrimonio combinato, a una malattia ereditata dall'ex consorte, alla solitudine che la ghermisce nella camera da letto, alla perfetta incoscienza della sua splendida voce falsa, ai tradimenti del nuovo compagno, l'aristocratico charmeur interpretato da Hugh Grant, che trova un altro ruolo a misura del suo cambiamento interrogandoci daccapo sulla longevità di un artista. Frears, alla maniera di St. Clair Bayfield, protegge la sua eroina, 'corrompe' i critici e convince lo spettatore del valore del suo canto.

E poco importa se la nota non è quella giusta. Se la prima categoria non si piega reputando Florence inconciliabile con un sistema stabilito di criteri tecnici ed estetici, la seconda abbraccia commossa il sogno di Florence, la purezza del suo desiderio. Come Frears, ci scopriamo tutti innamorati, per ridere troppo a lungo di lei, un fenomeno da freak show che s'ignora magnificamente.

Divertissement sentimentale con una fibra comica pronunciata e una lacrima trattenuta, Florence si accorda con Meryl Streep, Hugh Grant, Simon Helberg, attori impareggiabili e antitesi di una donna investita totalmente dal suo desiderio, priva del loro dono ma la cui ingenuità e autenticità ne definiva tutto lo charme. Il motore, in Marguerite e Florence, è la fiducia. La fiducia in qualcuno.

Ma se il sostegno di Georges Dumont per Marguerite Dumont è condizionato e affatto sincero, quello di St. Clair Bayfield per Florence è assoluto, indecifrabile e sposta il baricentro del personaggio di Hugh Grant, che sublima il ridicolo e converte la mediocrità in sentimento. Risvegliata dal suo sogno, Florence Foster Jenkins morirà colpita al cuore dai detrattori. Perché non c'è niente che centri il cuore come il grande talento o l'assoluta mancanza di talento.” (Marzia Gandolfi – mymovies.it)

Paw Patrol: L'intraprendente Ryder e la sua banda sono un team imbattibile, perché "nulla è pauroso per un cucciolo coraggioso". E siccome non si accontentano del successo planetario che hanno ottenuto come protagonisti del cartone televisivo Paw Patrol, ora Marshall, Chase, Zuma, Skye, Rubble e Rocky arrivano (sempre capitanati dal bambino Ryder) anche sul grande schermo, in edizione prenatalizia. (www.mymovies.it)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-12-2016 alle 20:44 sul giornale del 30 dicembre 2016 - 1357 letture

In questo articolo si parla di cinema, spettacoli, cupra marittima, Cinema Margherita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aE6a