Terremoto, solidarietà ai Comuni colpiti

1' di lettura 24/08/2016 - Si raccolgono beni alimentari non deperibili presso la sede della Protezione civile.

Rientrato in Comune dal sopralluogo nelle varie zone cittadine, poco fa il sindaco Pasqualino Piunti ha telefonato ai colleghi Sindaci di Amatrice, Arquata del Tronto e Accumoli esprimendo loro tutta la solidarietà della città di San Benedetto e chiedendo se era possibile offrire un aiuto concreto, al di là dell’invio di volontari della Protezione civile (vedi comunicato precedente).

Il primo cittadino di Amatrice Sergio Pirozzi ha confermato a Piunti quando riportato dagli organi di stampa in queste ore, e cioè che, essendo inagibili tutti gli esercizi commerciali, l’emergenza immediata è quella del reperimento di beni alimentari per le persone che hanno perso tutto.

Pertanto, si invitano i cittadini, singoli o in forma associata, ad attivarsi per la raccolta di beni alimentari non deperibili (scatolame, pasta, prodotti per l’infanzia) da consegnare alla sede del Gruppo Comunale di Protezione civile, ubicata sul lato sud del Palazzetto dello Sport in viale dello Sport, che resta aperta ininterrottamente dalle 8 alle 20 (recapito telefonico 0735781486 indirizzo di posta elettronica info@protezionecivilesbt.it

La Protezione civile sambenedettese provvederà poi direttamente all’inoltro dei beni secondo le indicazioni che riceverà dalle autorità preposte.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2016 alle 16:51 sul giornale del 25 agosto 2016 - 826 letture

In questo articolo si parla di attualità, san benedetto del tronto, Comune di San Benedetto del Tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aAuX





logoEV