Riapertura delle scuole: una nota dell'assessore alla Pubblica Istruzione Margherita Sorge

margherita sorge 4' di lettura 11/09/2015 - "Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione", diceva Victorio Hugo. Una società progredisce nella misura in cui ha a cuore la crescita umana e culturale delle nuove generazioni. Siamo alla vigilia di un giorno importante: l'inaugurazione della nuova scuola "Curzi", una scommessa vinta da questa amministrazione comunale.

Quando 2 anni fa, settembre 2013, iniziò il trasloco dei faldoni del tribunale di San Benedetto in pochi avrebbero scommesso che lì sarebbe sorta una scuola. A gennaio l'apertura del cantiere e oggi siamo qui a tagliare il nastro per un nuovo istituto.

I lavori di ristrutturazione dell'edificio di Piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa, che ospitava la sezione distaccata del tribunale di Ascoli Piceno, erano partiti solo lo scorso gennaio al fine di ospitare la scuola. Una sorta di scommessa dell'Amministrazione comunale e una vera corsa contro il tempo per l'impresa.

La riconversione dell'ex Tribunale ha comportato la messa in sicurezza sismica dell'edificio, l'adeguamento degli impianti, la riorganizzazione degli spazi interni per uso scolastico e tutte le opere necessarie a mettere a norma l'edificio.

Ventiquattro aule, tra normali e speciali, al primo e secondo piano, con sala professori e l'eventuale segreteria/presidenza al piano terra. Da anni si tentava di realizzare una nuova scuola, era stato un obiettivo anche dell'amministrazione di centrodestra, ma fallì.

Oggi l'occasione è stata fornita dalla spending review che ha portato il Ministero di Giustizia a tagliare e accorpare i tribunali, da qui l'idea dell'amministrazione di trasformare il palazzo di giustizia rivierasco in una scuola media, dal momento che l'edificio è di proprietà del Comune. Il tutto per un investimento di circa 1.800.000 euro, inoltre abbiamo risparmiato dagli affitti 160mila euro che saranno destinati al settore delle politiche sociale per sostenere le situazioni di fragilità.

Un intervento che arriva dopo quattro anni di lavori intensi per restituire alla città dei plessi scolastici più sicuri, fruibili e belli. A partire dalla scuola secondaria "Cappella" dove è stata eseguita la ristrutturazione dell'edificio con lavori per il miglioramento sismico e di adeguamento funzionale per 600mila euro, assieme a opere di completamento del piano seminterrato per 90mila euro, messa in sicurezza dei serramenti esterni per 30.987 euro e sempre per il miglioramento sismico due interventi due interventi di 300mile e 150mila rispettivamente.

Presso il plesso di infanzia e scuola primaria "Miscia" è stato ristrutturato il piano terra e realizzata la nuova centrale termica con annesso porticato di ingresso per 150mila euro, passando poi alla scuola dell'infanzia di via Mattei è stata ristrutturata per 410mila euro ed elaborata una scheda di fattibilità per richiedere il finanziamento di ulteriore 170mila euro.

Tra gli interventi più importanti, riguardanti l'edilizia scolastica realizzati in questi anni, c'è la scuola dell'infanzia "Alfortville" che ha oggi una superficie utile di 1.060 metri quadri. E' un edificio all'avanguardia per l'ampliamento eseguito attraverso opere in efficienza energetica, interamente concepito attraverso scelte progettuali che mirano ad ottenere un organismo edilizio rispondente ai criteri bioclimatici e di sostenibilità tra i più avanzati.

Il costo complessivo è stato di circa 1.300.000 mila euro, finanziati per 494.974 euro con somme comunitarie e, per i restanti 805.000 euro con fondi comunali. Il fabbricato è infatti realizzato con materiali naturali ed è energeticamente autosufficiente. Tutte le strutture portanti sono in legno, le pareti in fibra di legno, l'impianto termico è costituito da pannelli radianti a pavimento che garantiscono un comfort termico ottimale sia in estate che in inverno. Il pavimento è in legno come gli infissi in triplo vetro.

L'investimento complessivo che questa amministrazione ha fatto per l'edilizia scolastica si aggira intorno a poco meno di 6 milioni di euro. Uno straordinario impegno sul fronte scolastico che questa Amministrazione comunale ha dimostrato anche continuando a garantire lo scuolabus gratuito per circa 1000 bambini, nonostante le difficoltà economiche incontrate, e confermando anche quest'anno l'esonero dal pagamento della mensa scolastica per le famiglie a basso reddito.

Per concludere voglio ricordare l'impegno economico del Comune nell'allestimento di 2 classi di scuola dell'infanzia con metodo Montessori, una presso l'ISC sud ed una presso l'ISC nord. In questo modo abbiamo restituito alla città edifici scolastici più sicuri per i nostri figli e più accessibili. Un percorso che dovrà essere portato avanti con uguale impegno e determinazione anche nel prossimo mandato amministrativo.'


da Margherita Sorge
Assessore alla cultura





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-09-2015 alle 17:03 sul giornale del 12 settembre 2015 - 607 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di san benedetto, margherita sorge

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/an15





logoEV