Faenza: manifestazione sindacale contro gli esuberi alla Cisa, presenti i lavoratori dello stabilimento di Monsampolo del Tronto

08/07/2015 - C’era pure Maurizio Landini alla manifestazione indetta da Cgil, Cisl e Uil della provincia di Ravenna a Faenza il 4 luglio. La Cisa, fabbrica di lucchetti e serrature ha annunciato il licenziamento di 238 lavoratori e lavoratrici a Faenza. Ma non solo. Anche lo stabilimento di Monsampolo del Tronto, situato a Stella dovrebbe subire il taglio di 20 lavoratori.

Ora al cospetto del numero degli esuberi previsti in Romagna possono sembrare pochi; sennonché si tratterebbe in ogni caso di 20 famiglie che perderebbero un’occupazione fissa; Inoltre Monsampolo è un paese di 4.600 abitanti e il Piceno in questi ultimi anni ha visto la chiusura di numerosi stabilimenti un tasso sempre più alto di disoccupazione.

Con lo slogan “Il profitto non può tramutarsi in mattanza sociale !!!!!” e “Licenziamenti siamo tutti Cisa” tutti i lavoratori della Cisa di Faenza hanno partecipato al corteo e protestato contro il piano di esuberi che dovrebbe prevedere anche una delocalizzazione. La temperatura era alta e non solo quella dl clima generato dalla rabbia dei lavoratori, ma anche quella atmosferica visto che il termometro ha segnato verso mezzogiorno in pieno svolgimento del corteo addirittura i 42 gradi centigradi.


di Roberto Guidotti  
redazione@viveresanbenedetto.it






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2015 alle 10:46 sul giornale del 09 luglio 2015 - 826 letture

In questo articolo si parla di lavoro, comune di San Bendetto del Tronto, articolo, comune di Monsampolo del Tronto strada provinciale, Cisa Monsampolo del tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alE0