Grottammare: 'Cabaret Amore Mio', Banfi e Pozzetto 'Arance d’oro' 2015

2' di lettura 30/05/2015 - Con la presenza di Lino Banfi e Renato Pozzetto, l’edizione numero 31 di Cabaret, amoremio! sconfina oltre il cabaret abbracciando la storia del teatro comico italiano.

Habemus festival” ha esclamato questa mattina il direttore artistico Enzo Iacchetti, annunciando i destinatari delle due “Arancia d’oro” 2015, il premio alla carriera del Festival nazionale dell’umorismo, in programma il 7 e l’8 agosto, presentato questa mattina insieme al sindaco Enrico Piergallini della Città di Grottammare, ente promotore e produttore della manifestazione nata nel 1985 come intrattenimento serale estivo e oggi riconosciuta come punto di riferimento del passato, del presente e del futuro del cabaret italiano, come ha sottolineato il presidente dell’AMAT Gino Troli, pure presente all’incontro.

Confermata la sezione concorso per nuovi comici, il parterre del Festival più antico d’Italia conta come d’abitudine su nomi di caratura nazionale e giovani talenti, per la costruzione di uno spettacolo articolato in due serate di incalzante susseguirsi di gags, battute, musica e risate per il pubblico, tensione ed emozione per i concorrenti in gara.

Enzo Iacchetti e Laura Freddi tornano insieme alla conduzione, con il compito di orientare la platea del Parco delle Rimembranze nella variegata offerta del Festival, che, nell’attesa dei due big, attraverserà il mondo comico musicale della Rimbamband, ensemble pugliese composta da cinque abilissimi strumentisti, mimi, cantanti, cabarettisti, comici e improvvisatori e negli sketch dei Tracataiz, il gruppo milanese che raccontando il lato comico delle piccole disavventure quotidiane lo scorso anno ha trionfato al concorso (7 agosto); scoprirà la pungente satira al femminile de Le Scemette, gruppo composto da sette fra le migliori comiche in circolazione che da tanti anni frequentano e fanno ridere dal palco di Zelig Cabaret e il trasformismo sorprendente di Dario Ballantini (8 agosto), personaggio poliedrico che riunisce a sé i talenti dell’attore, del comico e del pittore e che porterà a Grottammare “un Salvini più vero dell’originale e Papa Francesco” ha anticipato Iacchetti nell’illustrare una scaletta ancora “aperta alle sorprese”.

Oltre a rappresentare il rendez-vous estivo dei big della comicità nazionale da oltre trenta anni, “Cabaret amoremio” è ormai riconosciuto come trampolino di lancio indispensabile per i giovani vogliono emergere nel mondo della comicità. I finalisti 2015 sono in corso di selezione tra 60 aspiranti concorrenti e nel frattempo val la pena di ricordare che, nella storia del concorso (istituito nel 1988), si citano artisti ormai affermati come Aldo, Giovanni e Giacomo, Gabriele Cirilli, Francesco Paolantoni e Stefano Sarcinelli (i primi vincitori), Ficarra e Picone (vincitori nel 1998, quando erano i Chiamata Urbana Urgente), Giorgio Montanini e Francesco De Carlo (attualmente insieme su Nemico Pubblico di RaiTre).Tra questi, anche un giovanissimo Max Giusti che, ironia della sorte, non arrivò mai in finale!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-05-2015 alle 14:40 sul giornale del 01 giugno 2015 - 701 letture

In questo articolo si parla di spettacoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akag





logoEV