Cupramarittima: arriva 'Due giorni e una notte' di Luc e Jean-Pierre Dardenne e 'I pinguini del Madagascar' di Eric Darnell e Simon J. Smith

5' di lettura 04/12/2014 - Il Cinema Margherita di Cupra Marittima da giovedì 4 a martedì 9 dicembre continua la sua programmazione con pellicole che richiamano le fasce d'età più diverse, dalle più impegnate ai più piccoli.

Due giorni, una notte: Sandra ha un solo fine settimana a farle visita i suoi colleghi e - con l'aiuto del marito - convincerli a sacrificare i loro bonus in modo che possa mantenere il suo posto di lavoro. (www.trovacinema.it)

“I Dardenne fecero il loro esordio con un lungometraggio di finzione nel panorama cinematografico mondiale nel 1996 con La promesse in cui si trattava il tema del lavoro clandestino. Con il successivo Rosetta tornarono ad affrontare l'argomento occupazione conquistando non solo una Palma d'oro a Cannes ma anche e soprattutto una legge a tutela del lavoro giovanile che prese il nome del film in quanto originata dalle discussioni che in Belgio questo aveva suscitato.

Sono solo due esempi dell'attenzione portata all'argomento dai due registi che ora torna al centro del loro cinema. Gli appassionati (cinefili e non) ricorderanno certo lo straordinario esordio di Sidney Lumet dietro la macchina da presa. Si intitolava La parola ai giurati e in esso Henry Fonda doveva convincere una giuria, in gran parte favorevole a una condanna per parricidio, a mutare parere.

La condanna che i Dardenne individuano oggi è quella, endemica, della perdita del posto di lavoro. Venute meno le tutele, con l'assenza nelle piccole aziende del nucleo sindacale, le decisioni restano appannaggio dei proprietari. Oppure, come in questo caso, possono essere subdolamente delegate a una guerra tra poveri che spinga ognuno a guardare ai propri bisogni azzerando qualsiasi ideale di solidarietà.

Quella solidarietà che i due registi riescono ancora a rinvenire nella famiglia (quella di Sandra con un marito solido al fianco e i bambini che l'aiutano a individuare gli indirizzi dei colleghi da cercare per convincerli a cambiare decisione). Anche se non per tutti è così. Il percorso della protagonista ci pone di fronte alle situazioni più diverse: c'è chi si nega, chi ha paura, chi ricorda un suo gesto di generosità del passato. Le etnie di provenienza sono le più diverse ma il senso di insicurezza profonda accomuna tutti. I Dardenne non hanno mai edulcorato la loro rappresentazione della realtà e non lo fanno neppure in questa occasione. C'è chi cambia idea così come c'è chi si irrigidisce ancora di più. Poi c'è Sandra.

Questa giovane madre incline al pianto e alla disistima di se stessa che nella sua ricerca di consensi ritrova progressivamente la forza di reagire senza umiliarsi, di chiedere comprensione per sé conservandola per gli altri. Sono così i personaggi dei Dardenne. Veri perché fragili. Veri perché umani.”
(Giancarlo Zappoli – mymovies.it)


I pinguini di Madagascar: Uno spin-off della serie “Madagascar” incentrata sui pinguini preferiti dai fan che sono coinvolti in una missione di spionaggio globale: Skipper, Kowalski, Rico e Soldato ora devono unire le forze con l’organizzazione di spionaggio “Vento del nord” guidata dall’agente Classified (potremmo dire il suo nome... ma non si può), doppiato da Benedict Cumberbatch (nella versione originale) per fermare il malvagio dottor Octavius Brine, doppiato da John Malkovich (v.o.) e il suo piano per conquistare il mondo. (www.trovacinema.it)

“Se avete pensato anche solo per un attimo che i tanti "Madagascar" erano sufficienti e che non c'era dunque bisogno di uno spin-off dedicato ai pinguini della serie, basteranno pochissimi minuti di questo film per farvi ricredere del tutto, nonostante, magari, siate persino già passati attraverso la serie televisiva.

Sì, perché Skipper, Kowalski, Rico e Soldato sono davvero un'unità di élite, come amano presentarsi, e non solo quando si tratta di salvare il mondo, ma anche e soprattutto quando si tratta di far funzionare una commedia. Non c'è una sola tipologia di umorismo che sfugga loro, dalla presa in giro metacinematografica (dei documentaristi in Antartide, per esempio, pronti a tutto per movimentare il loro girato) allo slapstick, che percorre tutta la lunghezza del film, all'umorismo più surreale, che è la loro vera arma segreta. Pronti a tutto per salvare la Terra, persino a rinunciare al corso di teatro già prenotato, i magnifici quattro non falliranno l'obiettivo, nonostante l'ora dedicata ai rimbalzi sui gonfiabili proprio quando tutto sembrava ormai perduto.

Virtuosi della strategia dell'ultimo minuto e persino dell'azione in assenza di qualsivoglia strategia, i pinguini di Madagascar hanno gioco facile nel superare di gran lunga in simpatia i loro sodali in quest'avventura, ovvero la task force segreta Vento del Nord. L'agente Classified (un husky pieno di sé) e i suoi compagni, infatti, sono soliti alle entrate in scena con effetti speciali e allo sfoggio di alta tecnologia, ma si tratta molto spesso di puro fumo negli occhi. I nostri, invece, regalano allo spettatore effetti speciali molto più pirotecnici, anche se spesso prodotti involontariamente.

In questo senso, non possiamo che rallegrarci, infine, per la comparsata fuori tempo massimo di re Julien, sovrano indiscusso del nonsense e campione di scervellato ottimismo.” (Marianna Cappi – mymovies.it)


Anche per la stagione 2013-2014 il Cinema Margherita propone la Tessera Acec Marche. La tessera costa € 5, permette di avere 5 ingressi ridotti, più uno in omaggio, ed è utilizzabile in tutte le Sale Acec Marche.

Ingressi: € 6,50 interi, € 5,00 ridotti
Ingresso universitari: € 4,00






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-12-2014 alle 21:36 sul giornale del 05 dicembre 2014 - 603 letture

In questo articolo si parla di cinema, politica, cupra marittima, Cinema Margherita, comune di Cupramarittima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/acwg





logoEV