Balneazione: confusione per un tratto di spiaggia, il sollecito di Forza Italia

1' di lettura 25/08/2014 - Una modifica al regolamento comunale concernente le norme sull’utilizzazione del litorale marittimo, apportata dal Consiglio in data 18/7/2012 con deliberazione n.62, è tuttora rimasta disattesa.

L’articolo in questione è il n.7 comma due del presente regolamento, in cui si legge chiaramente che, il segmento di spiaggia tra le concessioni demaniali n. 6 e 7, quindi tra gli Chalet Medusa e Conchiglia, è annoverato tra le porzioni dell’arenile destinate alla sosta di imbarcazioni da pesca e da diporto, anche se non a motore.

Si esplicita inoltre che, nel tratto di mare ad esso prospiciente ,che dovrebbe essere segnalato opportunamente attraverso corridoi di lancio, oggi assenti, è vietata la balneazione e tutte le attività non direttamente riconducibili alla descritta destinazione (installare ombrelloni, sedie, materassini).

Dopo più di due anni dall’approvazione di questa delibera consiliare il tratto di spiaggia in questione è ancora indicato come spiaggia libera dall’apposito totem segnalatore; tale incongruenza potrebbe fuorviare turisti e bagnanti ignari dell’effettiva destinazione d’uso di quell’area di litorale molto esigua, deputata ad accogliere pattìni, windsurf, jole, canoe, sandolini e simili, con i relativi fruitori.

Mi auguro che l’assessore Canducci si adoperi tempestivamente per la risoluzione della problematica in essere, altrimenti chiederò al consigliere Pasqualino Piunti di presentare un’interrogazione consiliare ad hoc nella prossima adunanza dell’assise civica prevista a fine Settembre.


da Stefano Muzi
Componente Club Forza Italia 'Sbt Protagonista'





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-08-2014 alle 22:08 sul giornale del 26 agosto 2014 - 838 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pasqualino Piunti, stefano muzi, comuen di San benedetto del Tronto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8Ux