Ospedale unico, M5S Fano e Pesaro: due domande alla Regione prima che sia troppo tardi

Hadar Omiccioli Marta Ruggeri Roberta Ansuini 2' di lettura 11/07/2014 - Mentre da oltre 3 mesi è scattata la fase operativa per la realizzazione del nuovo ospedale provinciale restano assenti dal dibattito pubblico sulla sanità due domande urgentissime da porre alla Regione Marche:

1. L’ ANALISI COSTI - BENEFICI che dimostri in maniera convincente ai cittadini (sulle cui spalle ricadranno i costi di tutte le scelte) i vantaggi e gli svantaggi della costruzione di un nuovo ospedale di oltre 500 posti letto rispetto alla ristrutturazione e riorganizzazione degli ospedali di Fano e di Pesaro;

2. LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DEL PROJECT FINANCING nell'edilizia sanitaria per le casse della sanità pubblica, da effettuarsi anche sulla base delle recenti esperienze sia in Italia che all’estero.

Nel silenzio generale su questi due argomenti la Regione ovviamente va avanti: il 1 aprile ha chiesto all'Azienda Marche Nord (nodo provinciale di riferimento delle rete ospedaliera) la redazione di uno studio di fattibilità per la realizzazione del nuovo ospedale, a fine giugno ha ricevuto la bozza e, a quanto si apprende dalla stampa, a brevissimo verrà predisposto il Bando di gara. Dunque, a quanto pare, nelle prossime settimane si potrebbe decidere di indebitarsi - e quindi di ridurre ulteriormente le risorse disponibili - pur di costruire ad ogni costo un ospedale nuovo, nonostante la carenza di risorse economiche, di personale, di tecnologie e di posti letto sia emersa in tutta la sua gravità da parte di associazioni, sindacati e forze politiche anche il 27 giugno scorso in occasione degli Stati generali della sanità.

E mentre la Regione va avanti le due città della costa continuano discutere soltanto del sito invece di aprire con urgenza un ampio dibattito pubblico sui RISCHI concreti di costruire un ospedale che non possiamo più permetterci, e sui reali VANTAGGI di investire piuttosto in tecnologia, in adeguamento del personale e nell’integrazione delle funzioni ospedaliere e sanitarie già esistenti su tutto il territorio. Eppure, come dimostra la discussione a cui siamo costretti ormai da tre anni, è proprio il dibattito sul sito che ha distolto l’attenzione da problemi molto più urgenti - contro cui oggi si levano proteste tanto giuste quanto tardive - come il taglio degli ospedali dell’entroterra e dei posti letto che, va ricordato, fu deciso alcuni anni fa nonostante tutto l'entroterra si mobilitasse per impedirlo. Prima di decidere dove costruire una casa riteniamo che sia più urgente chiedersi se è davvero indispensabile e sopratutto se ci sono le risorse per pagarla.


da Movimento 5 Stelle Fano
     Movimento 5 Stelle Pesaro

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-07-2014 alle 11:13 sul giornale del 12 luglio 2014 - 2033 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica, Hadar Omiccioli, Roberta Ansuini, ospedale unico pesaro-fano, fano a 5 stelle, ospedale unico fano-pesaro, marta ruggeri, Movimento 5 Stelle Fano e Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/65Z





logoEV