Freccia bianca, Freccia rossa… augh, Italo!: la medaglia di Panaroni

1' di lettura 25/10/2013 - Della triste storia dei treni super veloci che sfrecciano ad alta velocità anche nelle vecchie stazioni, come quella di Fano, costruite quando i treni non “sfrecciavano” così velocemente, s’è parlato davvero molto (forse troppo).

Quelle che scarseggiano, invece, sono le proposte affinché i tristi fatti avvenuti di recente nella stazione di Fano non abbiano a ripetersi per il futuro.

Al momento l’unica proposta pare essere quella che viene patrocinata anche dal Consigliere regionale D’Anna, che ipotizza il passaggio dei treni veloci esclusivamente sul primo e quarto binario. Per la verità ci sarebbe anche un’altra proposta, che nessuno pare voglia prendere in considerazione: prevedere la fermata di quelle frecce anche a Fano. Ma, dice, in così poca distanza due fermate, Fano e Pesaro, non sono proprio possibili per i treni ad alta velocità.

Giusto, allora ecco la nuova proposta: far fermare “le frecce” solo a Fano e solo a Pesaro l’Italo (l’altro super veloce). A suo tempo, qualcuno aveva anche avanzato un’altra proposta per le frecce: fermata a Fano per quelle provenienti da sud e a Pesaro per quelle in arrivo da nord. Ma il problema dei passaggi veloci sarebbe solo dimezzato...








Questa è una vignetta pubblicata il 25-10-2013 alle 08:07 sul giornale del 26 ottobre 2013 - 2724 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, stazione di fano, Giorgio Panaroni, vignetta, frecciarossa, italo, medaglia di panaroni, frecciabianca, treni ad alta velocità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/TAs





logoEV