I candidati del PD incontrano gli operatori del comparto pesca

Candidati PD 3' di lettura 11/02/2013 - Pesca e politiche del mare. Un settore produttivo lasciato troppo da parte dai precedenti governi ma che ha invece ricevuto sempre attenzione dal Partito democratico.

E così nella campagna elettorale delle “facili promesse” così come l’ha definita l’onorevole Luciano Agostini, durante l’incontro svoltosi presso la Casa del Pescatore, il democratico si abbandona alla verità: “Io non prometto nulla di eclatante – ha detto rivolto ai tanti operatori del settore intervenuti – ma prometto di porre la pesca e i suoi problemi al centro dell’operato del prossimo esecutivo”. Nessun mistero dunque sulla difficoltà del momento, nessun annuncio propaganda ma la promessa che il comparto della pesca possa tornare al centro dell’agenda di un esecutivo guidato dal centrosinistra.

Il Partito Democratico seppur all’opposizione ha comunque mostrato interesse al settore: “Abbiamo posto sul tavolo una proposta di legge che poi non si è riuscita a discutere a causa dello scioglimento anticipato delle Camere, affinché la pesca non fosse considerata tutta uguale. Perché è del tutto evidente che quella dei mari del Nord, incentrata su singole varietà, è del tutto diversa rispetto a quella che può realizzarsi nel Mediterraneo dove abbiamo una molteplicità di specie dell’Europa. Dopodiché – ha proseguito il democratico – è necessaria una riorganizzazione del comparto che giustamente tenga conto che il mare non può essere soltanto punto di prelievo ma che è necessario agire anche nella direzione di un ripopolamento dello stesso”.

Il che come sottolineato da Emanuele Troli della Blumarine Service non vuol dire perdite ma anzi significa una maggiore quantità di prodotto di cui disporre domani. Un concetto che molti pescatori sembrano aver ben compreso sposando il progetto relativo alla riproduzione della seppia. Tanto che già nel 2012 si possono toccare con mano gli effetti positivi del ripopolamento dopo oltre cinque anni (2007-2011) di declino del prodotto pescato.

Per Margherita Sorge, attualmente assessore alla Cultura di San Benedetto e candidata alle politiche, la pesca che “ha rappresentato un glorioso passato” deve per forza rappresentare “il presente e il futuro di San Benedetto”. Ciò significa che il comparto può e deve continuare ad essere “un settore accattivante anche per i nostri giovani, verso i quali, noi, che abbiamo già percorso un buon tratto della nostra vita, abbiamo dei doveri, tra cui quello di restituire un mondo migliore che dia loro delle prospettive”.

In questa direzione il Comune di San Benedetto per quanto nelle sue possibilità sta facendo molto, a partire dal porto definito “un cantiere aperto” e per il quale come ha detto Fabio Urbinati, responsabile regionale Pesca del Pd assessore alle Politiche Portuali di San Benedetto “stiamo già facendo molto anche se sappiamo bene che si può fare di più”. Ottimo il contributo alla discussione offerto dalla biologa Cinzia Quagliarini.

Gli operatori del settore hanno lamentato i costi del lavoro, rappresentati soprattutto dal caro gasolio. La sperimentazione di carburanti alternativi quali il Gnl “può essere una via percorribile” come ha ribadito Agostini, ma tutto passa per una maggiore attenzione al settore che verrà data a livello nazionale. Per Sorge una simile considerazione potrà riservarla solo il Pd, unica realtà politica in grado di affrontare con serietà i problemi del comparto pesca e dell’economia in generale.

Nel weekend vi è stato inoltre un partecipato incontro al Centro anziani di Ponterotto a San Benedetto. All’appuntamento oltre a Gianluca Pompei, giovane promessa che moderato l’incontro con gli operatori del comparto pesca ha partecipato anche Anna Casini, candidata al Senato.








Questo è un editoriale pubblicato il 11-02-2013 alle 18:57 sul giornale del 12 febbraio 2013 - 530 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, san benedetto, incontro, editoriale, casa della pesca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JiO





logoEV