Pd, tour del degrado: ottava tappa al sottopasso ferroviario di viale Cairoli

sottopasso ferroviario Lido di Fano 2' di lettura 22/12/2012 - Continua il tour del degrado del Pd. L'ottava tappa vede protagonista il sottopasso ferroviario di viale Cairoli a Fano. E' il coordinatore del circolo PD Centro-Mare, Enrico Fumante, ad illustrare la situazione di degrado ed abbandono della zona.

"Un punto strategico della città, un collegamento fondamentale tra la zona centro e la zona mare, molto frequentato soprattutto nel periodo estivo, completamente abbandonato a se stesso, transennato, sporco, pieno di infiltrazioni. Ecco un altro esempio del degrado cittadino e della poca attenzione della giunta Aguzzi verso la città di Fano" queste le parole di Enrico Fumante per descrivere la situazione in cui versa il sottopasso ferroviario di viale Cairoli.

Fumante ricorda le promesse di riqualificazione della zona fatte dalla giunta Aguzzi durante le ultime due campagne elettorali, promesse evidentemente non mantenute. Poi ripercorre brevemente le tappe del tour del degrado del Partito Democratico che ha visto coinvolte diverse aree fanesi in stato di rovina o abbandono, tra cui Sassonia, Lido, porto, parco dei Passeggi e della Paleotta.

Il coordinatore del circolo PD Centro-Mare riporta alcuni preoccupanti dati relativi al turismo locale: per quanto riguarda gli alberghi, in Provincia si è registrato un calo degli arrivi del -2,77% mentre a Fano addirittura del -4%, invece, in Provincia il calo delle presenze è stato del -3,57%, a Fano del -6,69%; per quanto riguarda gli stranieri in Provincia si è registrato un +1,26% di arrivi mentre a Fano c'è stato un calo drastico del -16,33%, invece, le presenze straniere in Provincia si attestano ad un -0,45% mentre a Fano si scende fino a -21,4% di presenze.

"Il binomio degrado-turismo è confermato, i dati non mentono. E' chiaro che a Fano il turismo versa in condizioni più che negative e non solo a causa della crisi. Il passaggio di testimone tra Santorelli e Cucuzza non ha prodotto alcun beneficio, anzi è evidente che hanno entrambi fallito sul settore strategico della città. Anche gli stessi cittadini, non avendo esempi positivi da seguire, finiscono per avere comportamenti irrispettosi verso la città".

L'ultima critica di Fumante riguarda il sito del turismo di Fano che fino allo scorso 20 giungo, all'inizio della stagione estiva, risultava completamente sprovvisto di calendario e privo di aggiornamenti costanti. "Oggi, per il turista, il web costituisce il primo approccio con la città, soprattutto per gli stranieri, è ovvio che vedere un sito abbandonato e con eventi passati non aiuta di certo a migliorare la situazione". Infine, conclude Fumante: "è ora di iniziare la ricostruzione di Fano perché non basta fare promozione ma occorre riqualificare l'intera città".









Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2012 alle 13:32 sul giornale del 24 dicembre 2012 - 2090 letture

In questo articolo si parla di fano, turismo, politica, partito democratico, pd, lido, degrado, tour, sottopasso ferroviario, Sabrina Giovanelli, viale cairoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/HAd





logoEV