Riduzione delle polveri sottili: le Associazioni chiedono la sospensione del provvedimento

pizza cotta sul forno a legna 1' di lettura 10/09/2012 - Le Associazioni di categoria CNA – Confartigianato – Confcommercio e Confesercenti hanno inoltrato alla Regione Marche la richiesta di sospensione del provvedimento che, a partire dal 14 settembre, dovrebbe introdurre l’obbligo di installare idonei dispositivi di abbattimento delle polveri nei fumi emessi da forni e camini a legna.

Per le Associazioni “si tratta di un provvedimento che riguarda una parte infinitesimale di quello che è il problema dell’abbattimento delle polveri sottili. Parliamo infatti di qualche decina di aziende della provincia che utilizzano forni e camini per cuocere la pizza magari solo qualche giorno a settimana e che dovrebbero affrontare spese di qualche decina di migliaia di euro per istallare impianti che non si sa neppure se possano essere sufficienti o se addirittura possano provocare più danno che benefici “.

Le Associazioni ribadiscono la volontà di trovare sistemi alternativi e che producano gli stessi risultati ai fini della salvaguardia dell’ambiente, ma non possono accettare l’imposizione di un provvedimento, applicato a macchia di leopardo sul territorio regionale, e che non tiene conto delle reali problematiche e delle conseguenze che comporta.

Il Coordinamento delle Associazioni






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-09-2012 alle 13:30 sul giornale del 11 settembre 2012 - 776 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, pesaro, pizza, vivere pesaro, legna, Confcommercio Pesaro ed Urbino, forno, CNA di Pesaro e Urbino, confesercenti pesaro e urbino, notizie pesaro, confartigianato pesaro e urbino, forno a legna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/DDC





logoEV