Schiaroli (Federconsumatori): attenzione ai costi della lirica

Federconsumatori 1' di lettura 20/11/2011 -

Anche se siamo più preoccupati quando aumentano i generi alimentari, di prima necessità o le tariffe, ci facciamo interpreti delle attuali lamentele degli appassionati sui prezzi per la stagione lirica fanese.



Sono infatti cifre da capogiro che consentono solo una cultura di èlite sulla falsariga della stagione di prosa che ha aumentato gli spettacoli e il costo degli abbonamenti ma riducendo il numero di repliche così da favorire chi si è potuto permettere l’abbonamento e quindi coinvolgere meno cittadini.

È presumibile l’interesse per la stagione lirica in città vicine di tradizione come Pesaro da dove verranno solo per la durata dello spettacolo senza nessun vantaggio economico per la nostra città.

Per cui ci sarà anche il rischio di una manifestazione a Fano per pochi fanesi benestanti. Ogni parallelismo con il ROF è poi del tutto fuori luogo considerata la risonanza mondiale dell’evento. Rimarrà in molti concittadini anche il rammarico che per un artista di primo livello mondiale come Andrea Bocelli (in programma il 6 giugno) non si sia pensato a una grande location, anche all’aperto, a prezzi accessibili, per le migliaia di appassionati fanesi che vorrebbero ascoltarlo.

Auspichiamo che nessun costo della manifestazione ricada sui cittadini.


da Sergio Schiaroli
Presidente Provinciale Federconsumatori




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2011 alle 17:46 sul giornale del 21 novembre 2011 - 1331 letture

In questo articolo si parla di cultura, lirica, Federconsumatori, Sergio Schiaroli, federconsumatori provincia pesaro ed urbino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rTW