Circumnavigare l'Italia in Kayak da mare. Tappa a San Benedetto

14/05/2011 -

Tappa venerdì 13 maggio 2011 di Guido Grugnola a San Benedetto del Tronto che da solo in assoluta autonomia sta circumnavigando l'Italia.



Una pagaiata di oltre 2000 miglia (quasi 4000 km) nel rispetto più assoluto del patrimonio naturalistico delle coste italiane.

Sabato 23 aprile Guido Grugnola è partito a bordo del suo kayak da mare da Trieste per raggiungere ad agosto Ventimiglia. Ieri ha fatto una sosta a San Benedetto dove poi ha trascorso la notte. Lo ha accolto Umberto Capriotti anch'egli appassionato di mare ed istruttore di kayak (www.adriaticseakayak.it), che lo ha aiutato per la logistica, trascorrendo poi la notte a bordo della barca Perla Nera attraccata nel molo del circolo Nautico Sambenedettese.

Alle prime ore del mattino con mare calmo e sole estivo, Guido è ripartito verso sud con Umberto che lo ha accompagnato per qualche miglio condividendo la passione per questo sport affascinante ma purtroppo poco conosciuto.

Guido, da sempre un'esperto regatante e kayaker, ha intrapreso questo lungo e faticoso viaggio per portare l'attenzione di noi tutti sulla biodiversità dei nostri stupendi litorali e sulla necessità di tutelarne il delicato equilibrio, salvandolo da ogni forma di abusivismo e degrado.

La preparazione per questa avventura è stata lunga e meticolosa, anni di allenamento e sei mesi per la scelta dell'attrezzatura tutta personalizzata e studiata per riuscire a rendere il viaggio sì in solitaria ma sempre in contatto con tutto il mondo tramite il web, ha con se 2 micro telecamere una macchina fotografica subacquea, 2 gps, un pannello solare e persino un computer portatile, oltre al materiale di sicurezza, di bivacco e l'abbigliamento per un peso complessivo di circa 80 kg.

Ha scelto come mezzo il kayak da mare, un' imbarcazione con doti marine straordinarie che abbinate a un’adeguata preparazione permettono di navigare velocemente in molte condizioni di mare. È anche l’unica barca che sappiamo esistere da millenni e che per queste sue doti è sempre rimasta uguale a se stessa. Il kayak non inquina, è silenzioso può navigare a pochi metri dalla costa, fino a diverse miglia, può passare tra gli scogli, all'interno di grotte e la sua propulsione è ottenuta solo dall'uomo con la sua pagaia. In C…. alla balena Guido e che la bonaccia sia con te! Per seguirlo on-line www.rounditalycruise.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-05-2011 alle 01:49 sul giornale del 14 maggio 2011 - 2204 letture

In questo articolo si parla di attualità, Organizzatori

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/kMX