Panaroni: Fano-Pesaro, ospedale uno e trino? Breve lettera aperta ai politici

1' di lettura 30/01/2011 -

Sull’ospedale unico, sabato scorso al “Pino bar” c’è stata una conferenza stampa (“aperta” malgrado il maltempo) organizzata dal “Comitato Santa croce”.



Vista fra gli oratori la presenza di rappresentanti politici di trasversale appartenenza (Fano a 5 stelle, La Destra, IDV, Lega nord e il Consigliere Regionale Giancarlo D’anna) è sorta una domanda che non è stato possibile formulare al Bar per impraticabilità sonora del campo, e che qui di seguito si propone.

Perché “altrove” non si sente parlare come da noi di accorpamenti, chiusure e “unificazioni”, ma solo di riorganizzazione come, per esempio, degli ospedali di Riccione, Cattolica e Santarcangelo di Romagna, nonostante abbiano quello di Rimini ad un tiro di schioppo?
In territorio marchigiano, lo stesso possiamo dire per Senigallia (con Torrette di Ancona ad un passo).
Altro “piccolo esempio” che dovrebbe per lo meno far riflettere ed indurre alla cautela nelle stesse prese di posizione dei sostenitori del nostrano accorpamento ci viene dalla Provincia di Modena, dove oltre alle due note strutture ospedaliere di quella città, sono attivi, vivi e vegeti, gli Ospedali di Carpi, Vignola, Pavullo, Castelfranco Emilia, Sassuolo, Mirandola, Finale Emilia, San Felice sul Panaro…
Ecco, questa la domanda.

Dice: - Ma con la eventuale nuova struttura, il Santacroce e il San Salvatore rimarrebbero “aperti”, per i primi interventi e le specializzazioni… come se non fosse possibile attivarle nelle attuali strutture, ovviamente all’uopo riorganizzate.

Ecco il perché da un comune cittadino la domanda (e il titolo) di questa breve nota, come modesto contributo alla discussione su un argomento assai importante…








Questa è una vignetta pubblicata il 30-01-2011 alle 18:17 sul giornale del 31 gennaio 2011 - 1869 letture

In questo articolo si parla di attualità, Giorgio Panaroni, vignetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gRe





logoEV