Comune, archiviato il caso Emili

2' di lettura 26/04/2010 - Torna la pace in Comune, o almeno così sembra. Loredana Emili, assessore alle Politiche sociali, ha fatto un passo indietro a seguito della lettera del sindaco Giovanni Gaspari, ritirando le proprie dimissioni. Un balletto che ha tenuto l'attenzione della cittadinanza viva per settimane e che si è concluso con l'abbraccio finale.

Eppure le dimissioni rassegnate dalla Emili a seguito dell'elezione del coniuge in Regione erano state caratterizzate da grande risolutezza.

Dall'altra parte il sindaco, fino a pochi giorni fa, sembrava deciso ad andare avanti senza di lei. Che cosa è successo? Del caso Emili si parlerà nell'ambito del prossimo consiglio comunale, previsto per giovedì. Nel frattempo, la questione sembra definitivamente archiviata. Dopo la missiva in cui il sindaco ha chiesto alla Emili di tornare, la donna si sarebbe infatti detta pronta a tornare in giunta.
Strappo ricucito, quindi? In realtà ora, da entrambe le parti, si nega addirittura che lo strappo ci sia mai stato. "Tempo fa - spiega l'assessore alle Politiche sociali - dichiarai che avrei messo a disposizione del primo cittadino la mia delega nel caso in cui Paolo (Perazzoli) fosse stato eletto. Ora non vorrei che un gesto di generosità venisse inteso come tentativo di indebolimento della giunta". Il rientro della Emili (Pd) non è passato comunque inosservato all'interno del centrosinistra e non mancherà di far discutere. Il sindaco, dalla sua, liquida la questione definendo la Emili "una persona capace, della quale non mi sarei mai voluto privare".

Nello stesso tempo nega l'esistenza di contrasti tra loro. Tornata ad occupare il proprio posto, Loredana Emili annuncia intanto l'apertura vicino all'ospedale di una comunità-alloggio per chi soffre di disagio psichico.

La fretta con cui il sindaco Gaspari sembrava voler liquidare il caso Emili per allargare la maggioranza all'Udc non può però che far riflettere. "Di questa collaborazione - commenta a questo proposito la Emili - sono convinta anche io". In realtà sembra che alla base del ripensamento della Emili non ci sia stata solo la lettera del primo cittadino. A farle cambiare idea sarebbe stata in realtà la presa di posizione della base del Pd contro la fuoriuscita di esponenti che avrebbero cambiato bandiera e che non avrebbe visto quindi di buon occhio le dimissioni dell'assessore.






Questo è un articolo pubblicato il 26-04-2010 alle 18:59 sul giornale del 27 aprile 2010 - 792 letture

In questo articolo si parla di politica, giovanni gaspari, loredana emili, lucia mosca