Al via il 34° Convegno nazionale delle Caritas diocesane

26/04/2010 - "Animare parrocchie e territori attraverso l'accompagnamento educativo": questa la chiave di lettura del 34° convegno nazionale delle Caritas Diocesane che ha aperto i lavori ieri, a San Benedetto del Tronto, al Palariviera di via Paganini e che si protrarrà fino a giovedì.

L'evento è stata inaugurato ieri pomeriggio dalla preghiera di apertura di monsignor Luigi Conti, arcivescovo di Fermo e presidente della Conferenza Episcopale marchigiana, seguita alle 17 dalla prolusione di monsignor Giuseppe Merisi, vescovo di Lodi, presidente della Commissione Episcopale per il servizio della carità e la salute, presidente della Caritas italiana.

Alle 18 la prima relazione dal titolo: "Tra annuncio, celebrazione, carità e ambiti di vita della persona" tenuta da monsignor Franco Giulio Brambilla, vescovo ausiliare di Milano e presidente del Comitato per gli studi superiori di Teologia e di scienze religiose. Nella giornata di oggi, alla celebrazione eucaristica prevista per le 19, presieduta da monsignor Edoardo Menichelli, arcivescovo di Ancona - Osimo e presidente del Comitato organizzatore del XXV Congresso eucaristico regionale, seguirà, dopo la cena in hotel, lo spettacolo "Il cielo capovolto", recitazione e musiche sui testi di don Primo Mazzolari.

Con la regia di Giovanni Micoli, domineranno la scena gli attori: Claudia Koll, Paolo Bonacelli, Giorgio Marchesi. Domenica scorsa, nella chiesa del Buon Pastore di Collevario (Macerata), gremita di gente commossa, l'attrice lanciata da Tinto Brass ha raccontato con la voce tremante la propria conversione spirituale. Nata da una famiglia normale, Claudia si allontanò dagli affetti e dalla fede per seguire le sue inclinazioni ed i suoi sogni. "Ma il mondo dello spettacolo - spiega - è un mostro fatto di strutture di peccato".

"Per non essere risucchiati - continua - bisogna essere formati, ho fatto scelte sbagliate interpretando ruoli che puntavano all'apparenza usando come strumento il corpo. Dio è stato sempre presente nella mia vita, solo che non me ne accorgevo". Domani, alle 10, farà sicuramente discutere la relazione: "Imparare dalla crisi: accompagnare, interpretare e comunicare le nuove sofferenze sociali" tenuta da Mauro Margatti, preside della Facoltà di Sociologia dell'Università cattolica del Sacro Cuore di Milano. Chiuderà i lavori giovedì, alle 10,30, la tavola rotonda sul tema: "Anno sacerdotale. Testimoni dei nuovi cortili dell'educare alla carità nella verità" .

Il 34° convegno nazionale delle Caritas diocesane costituisce per San Benedetto del Tronto un appuntamento senza dubbio importante, che premia la città e l'impegno del presidente della locale Caritas Umberto Silenzi. L'evento pone l'accento sulle modalità attraverso le quali si può "agire nel quotidiano, sporcarsi le mani coi poveri, progettare insieme le risposte e riflettere sul senso di quello che si fa, di che cosa cambia nella vita degli ultimi e della comunità che li accoglie".






Questo è un articolo pubblicato il 26-04-2010 alle 18:55 sul giornale del 27 aprile 2010 - 706 letture

In questo articolo si parla di cronaca, caritas, convegno, lucia mosca