Ciclisti vil razza dannata!

2' di lettura 27/08/2009 - \"La campagna antibici fanese prosegue con un colpo a sorpresa. In via Roma presso l’incrocio con via dell’Abbazia c’era una volta un pista ciclabile che conduceva verso Fano Due. Ora, a circa 100 metri dall’incrocio, dove per volontà della casta commerciale che comanda a Fano, si è combinato il solito pasticcio alla fanese, la pista finisce per ricominciare cento metri oltre\".

In città non avendo la capacità di risolvere i problemi c’è da un po’ l’abitudine di spostarli: “facen un pro’ pron” si direbbe alla fanesa..



La fila di auto che si formava dal lato San Cristoforo sino a via dell’Abbazia ora si forma, in via Roma dal lato opposto, quello verso Fano. Si è creata infatti una terza corsia mediana dove con uno stop si bloccano le auto che devono raggiungere la superstrada…e quante auto in fila! La creazione della terza corsia ha fatto sparire però anche la pista ciclabile. Ora il ciclista che da Fano vuol recarsi a San Cristoforo si vede sparire la pista sotto le ruote e che può fare? Transitare sul marciapiedi è impossibile perché sul marciapiedi, come dice la parola possono transitare soli i pedoni, a fatica perché il suddetto marciapiedi è soprannominato in zona perditacchi (perchè pieno di buche e di pali segnaletici nonché lampioni), scendere e proseguire a piedi facendo attenzione che la bici non venga strappata dai veicoli che sopraggiungono…lasciare la bici a casa e usare l’auto?



Per scoraggiare i ciclisti o farne diminuirne il numero, tentando la soppressione fisica, la soluzione pare quella giusta. Ma la chicca, degna di un film di Mister Bean, è che la pista ciclabile sparisce proprio davanti ad una notissima rivendita di biciclette. Colpiscine uno educane cento! Auguri ciclisti fanesi.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-08-2009 alle 16:16 sul giornale del 27 agosto 2009 - 2458 letture

In questo articolo si parla di attualità, Glauco Faroni